utenti online

x

SEI IN > VIVERE OSIMO > CRONACA
comunicato stampa

Offagna: addio a Franco Mazzieri, segretario dell'Accademia della Crescia

2' di lettura
927

Offagna

Franco Mazzieri, segretario dell’Accademia della Crescia di Offagna, in pensione da alcuni anni dopo aver svolto il ruolo di ragioniere alla Vetreria Marchigiana di Offagna, è scomparso, all’età di 64 anni, nel pomeriggio di martedì 20 marzo, a seguito di un male incurabile.

Franco Mazzieri lascia la moglie Giovanna Rinaldini, presidente dell’Accademia della Crescia e preside dell’Itc di Ancona, i figli Michele e Caterina e la sorella Ivana. Il funerale si terrà nella giornata di giovedì 22 marzo, alle ore 15, nella Chiesa di San Tommaso ad Offagna e verrà sepolto nel cimitero del Borgo medioevale. “Franco Mazzieri –ha dichiarato il sindaco del Comune di Offagna, Stefano Gatto- è stato un autentico pilastro per il nostro paese, avendo organizzato negli anni una grande serie di iniziative, eventi e convegni. E’ stato anche un grande mediatore, riuscendo negli anni ’80 a risolvere delle allora forti tensioni createsi tra l’Amministrazione comunale e la Pro loco. Come Amministrazione comunale esprimiamo una immensa condoglianza alla sua famiglia”.

Condoglianze che sono espresse oltre che dalla Giunta, da tutti i componenti del Consiglio e dai dipendenti comunali e dai soci dell’Accademia della Crescia. Franco Mazzieri negli anni ’70 è stato dirigente dell’Associazione Calcio Offagna, poi, negli anni Ottanta è stato presidente della Pro loco di Offagna. “Grande il dolore che ci ha creato la scomparsa del caro Franco –ha affermato Fabrizio Bartoli, vice-presidente dell’Accademia della Crescia- per l’immensa opera svolta nell’ambito della nostra Accademia; condoglianze anche da parte dell’assessore regionale Serenella Moroder, in qualità di Gran Maestro dei Cavalieri dell’Accademia della Crescia e di tutti i Cavalieri nominati nel corso delle varie edizioni delle Feste medioevali”.



Offagna

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-03-2012 alle 17:59 sul giornale del 22 marzo 2012 - 927 letture