Castelfidardo, emergenza neve: scuole chiuse fino a martedì. Il quadro della situazione

3' di lettura 05/02/2012 - Continua a nevicare, aumentano le situazioni potenzialmente a rischio e quelle di oggettiva difficoltà. Tre le ordinanze diramate in giornata.

Scuole – Il Sindaco Soprani ha disposto la chiusura degli istituti di ogni ordine e grado del territorio comunale fino a martedì compreso. Quale che sia l’evoluzione del meteo, si intende aspettare il ripristino di condizioni di “normalità” per garantire la massima sicurezza a tutti.

Parchi e Selva – Chiuso al traffico veicolare e pedonale il Parco del Monumento, meta di tanti cittadini visto il suggestivo scenario in cui il gruppo bronzeo è immerso. Le fronde degli alberi si stanno pericolosamente abbassando sotto il peso della neve. Idem per l’area protetta della Selva. Interdetta anche l’area verde del Monumento alla fisarmonica e al lavoro davanti a Palazzo Soprani, dove le squadre coordinate dal C.O.C. sono già intervenute per la caduta di un ramo.

Mercato del lunedì – Soppresso il mercato settimanale del lunedì: impraticabili gli spazi per gli ambulanti.

Non sono state invece emesse ordinanze relativamente alla responsabilità dei privati di provvedere allo sgombero delle proprie aree in quanto espressamente previsto dal vigente regolamento di Polizia Urbana e rurale. Art. 17: “A seguito di nevicate, i proprietari, gli amministratori ed i conduttori degli edifici privati ed i titolari di esercizi commerciali, pubblici esercizi e attività artigianali hanno l’obbligo di sgomberare dalla neve e dal ghiaccio i marciapiedi prospicienti l’ingresso degli edifici e delle attività, ovvero le aree immediatamente vicine. La neve deve essere ammassata ai margini delle strade, ove non crei intralcio e pericoli alla circolazione veicolare e pedonale. Il proprietario di autoveicolo che sosti su strada pubblica o su proprietà pubblica, in caso di nevicata è obbligato a mettere in atto tutti i provvedimenti necessari affinché detto veicolo non crei intralcio alla circolazione e allo sgombero della neve da parte dei mezzi addetti”.

Intensa e senza soluzione di continuità l’attività della centrale operativa allestita presso il Comando di Polizia Locale di piazza Leopardi. Nell’arco delle 24 ore, si alternano le squadre composte dagli agenti, dal personale dell’ufficio tecnico e dai volontari della protezione civile: trenta persone sono sempre all’opera. Sei i mezzi spazzaneve in azione, due gli spargisale. Gli interventi coordinati dal C.O.C. seguono una logicità: si salvaguarda anzitutto la pulizia degli anelli strategici a più alta frequenza e scorrimento ed in via sussidiaria si provvede a cascata sulle arterie cosiddette secondarie. Viste le previsioni di ulteriore abbassamento della temperatura e le gelate notturne, restano ad alto rischio di interdizione al traffico vie impervie come il “brecciaro”, Podgora, Montessori, Filzi, Sauro, Sgogge, tratto di via Bramante e Soprani.

Ma il c.o.c. sta cercando di dare risposte anche alle richieste di aiuto più “individuali” e delicate. Tramite i servizi sociali, in collaborazione con Don Bruno della parrocchia Collegiata, si è dato un tetto, un pasto caldo e indumenti anche ai pochi indigenti segnalati. La raccomandazione ribadita a gran voce è di utilizzare la macchina solo in caso di necessità e solo se attrezzata con adeguati pneumatici o catene: il rispetto del codice della strada va accompagnato più che mai ad una dose di buon senso ed educazione sia da parte degli automobilisti che dei pedoni molte volte “costretti” a camminare in mezzo alla strada per aggirare la neve.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-02-2012 alle 11:56 sul giornale del 06 febbraio 2012 - 629 letture

In questo articolo si parla di cronaca, castelfidardo, neve, Comune di Castelfidardo, emergenza neve, notizie osimo, cronaca osimo, cronaca castelfidardo, scuolechiuse neve, meteo osimo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/uPx