Rassegna 'Fratelli in Italia', ad Osimo Italo Moscati con il film 'Concerto italiano'

rassegna 'Fratelli in Italia' 5' di lettura 01/02/2012 - Presentato in prima assoluta all’inaugurazione del Prix Italia al Teatro Carignano, 15 minuti di applausi nel teatro affollatissimo. Articoli e critiche colmi di apprezzamenti.

Apprezzamenti lusinghieri da Giuliano Amato del Comitato dei 150 anni dell’Unità d’Italia e da storici autorevoli, fra cui Lucio Villari.

Un grande affresco, uno spettacolo di immagini e di musica, un racconto di personaggi e fatti, una grande ricerca fra intese e speranze, un grande concerto di idee e di identità italiane. Tutto ciò riassunto in un titolo, “Concerto italiano”, sugli anni in cui la televisione italiana, la Rai, ha potuto già documentare il secolo e mezzo dell’Unità.

Nel 1954 cominciano le trasmissioni televisive della Rai. L’attenzione per la storia d’Italia è subito molto forte nei programmi prodotti dalla stessa Rai e aumenta nei sei anni successivi. Questa attenzione si sviluppa ancora dal 1961, ovvero l’anno in cui si compie il secolo dalla proclamazione a Torino nel 1861 dell’Italia Unita. Se nel 1911, a cinquant’anni dalla proclamazione, le immagini delle manifestazioni e delle feste per l’ Unità avevano la qualità di un bianco e nero un po’ tremolante delle foto di allora e delle sequenze dei primi documentari, nel 1961 la Rai raccoglieva le sue migliori energie per mostrare altre immagini, più ferme, più reali, più convincenti, meno romantiche, capaci di raccontare la storia, le storie del Paese.

Torino e i piemontesi sono protagonisti delle sequenze delle tre guerra di indipendenza, dei suoi uomini politici (Cavour su tutti), degli scontri di piazza che si ebbero a Torino quando venne deciso di trasferire la capitale a Firenze; e ci sono vari riferimenti filmati sull’ arrivo dei bersaglieri a Roma, e sull’accoglienza ai “piemontesi” ammirati perché “alti due metri”.

Importanti documenti recuperati: il discorso negli Stati Uniti del presidente John Kennedy nel marzo 1961 per ricordare i 100 anni dell’Unità, in cui si ricordano Cavour, Mazzini e Garibaldi e i milioni di italiani- lombardi, veneti, calabresi, siciliani…- che contribuirono alle fortune dell’America. E le immagini dei garibaldini emigrati nel periodo della guerra di secessione; e la lettera di Garibaldi al presidente Abramo Lincoln.

Per il centenario, la Rai filmò le iniziative organizzate a Torino, “Italia 61” e “la Mostra dedicata all’Unità dal Museo del Risorgimento”, e altre ancora; ma fece ben di più, realizzando numerosi sceneggiati e programmi che raccontavano la storia del passato e però puntavano a presentare il nuovo volto del Paese dal cosiddetto “miracolo economico” al rapido e intenso cambiamento dei costumi e della vita degli italiani, ai loro interessi in cammino verso il futuro, alla loro costante ricerca di prospettive aggiornate nel volto inedito di un’Italia non più contadina, più industriale, attenta al mondo.

Di tutte queste straordinarie immagini della realtà e di ricostruzione con fiction e film tv , si compone “Concerto italiano” che presenta un appassionante intreccio fra la storia e, soprattutto, le storie che ci riguardano da vicino e fanno sperare con fiducia negli anni che ci attendono. Storia e cronaca, un romanzo che continua. Dal passato, le immagini passano al passato prossimo e al presente, mostrando le situazioni che hanno contraddistinto un lungo e controverso percorso per “fare gli italiani” negli anni della tv.

Compaiono scene di “Non è mai troppo tardi” con il maestro Alberto Manzi, “Ottocento” con Sergio Fantoni e Virna Lisi (nel ruolo della contessa Castiglione), “Camicie rosse” con Anna Magnani e Raf Vallone, “L’alfiere” con Ivo Garrani e Domenico Modugno, “Il giovane Garibaldi” con Maurizio Merli, “Correva l’anno 1870” con Anna Magnani e Marcello Mastroianni, “Il generale Garibaldi” con Franco Nero, Flavio Bucci, Kim Rossi Stuart, “Le quattro giornate di Milano” con Giancarlo Giannini e Laura Morante.

Nel film sono inserite anche scene di show con Mike Bongiorno (Lascia o raddoppia), Alberto Sordi, Franco Franchi e Ciccio Ingrassia, Carlo Verdone. Immagini e parole che irrompono e costruiscono una storia, temi e problemi irrisolti. Le migrazioni interne, l’arrivo degli emigrati, la distruzione o lo scarsa attenzione alla salvaguardia del territorio e dell’ambiente, la criminalità diffusa, l’idea che si sono fatti e si fanno all’estero degli italiani, la scomparsa della patria, il nazionalismo e il patriottismo, e altre scene di un paese che cerca ancora.

Le musiche sono dirette da grandi personalità: compaiono Riccardo Muti, Claudio Abbado, Antonio Pappano, Gianluigi Gelmetti e altri. Canzoni e immagini di Luigi Tenco, Lucio Battisti, Giorgio Gaber, Fabrizio de Andrè, Giuni Russo. “Concerto italiano” ha un respiro ampio ed è una sintesi rigorosa e spettacolare del periodo considerato, ovvero quella “di storia e storie dell’Unità: dal 1961 ai giorni nostri”, e sta circolando in Italia sempre accolto con grande favore.

Su tema del Risorgimento e la storia degli italiani, Moscati ha diretto anche “Torino Gira” (60’) , presentato con grande successo nel settembre 2009 per l’inaugurazione del Prix Italia a Torino al Piccolo Regio della città. Nel film si racconta soprattutto Torino che fu capitale e che è depositaria di tante vicende dell’Unità, oltre ad essere una delle città italiane più proiettate a progettatare il futuro.

“Torino Gira” vinse la scommessa- raccontare in un’ora la storia di Torino dal 1861 agli anni 2000- accolto da dodici minuti di applausi ; ci fu poi la trasmissione per la Regione Piemonte il giorno successivo alla inaugurazione, replicato a grande richiesta, anche della stampa, per un’intera giornata. “Torino Gira” è stato poi inserito in una raccolta distribuita dalla Rai, in cui sono stati anche inseriti alcuni sceneggiati storici della televisione italiana.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-02-2012 alle 17:08 sul giornale del 02 febbraio 2012 - 697 letture

In questo articolo si parla di cultura, osimo, teatrino campana, Comune di Osimo, italo moscati, concertazione, notizie osimo, fratelli in italia, concerto italiano

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/uFz





logoEV