utenti online

x

SEI IN > VIVERE OSIMO > CULTURA
comunicato stampa

'Fratelli in Italia', prosegue la rassegna organizzata da ConcertAzione

1' di lettura
657

rassegna 'Fratelli in Italia'

A volte tornano. E quando tornano dimostrano, se ce ne fosse ancora bisogno, quanto profonda sia nella nostra città la richiesta di eventi che sappiano coniugare virtuosamente cultura, passione, divertimento.


Stiamo parlando del gruppo ConcertAzione nato appena un anno fa, proprio di questi tempi, ad Osimo, con l'intento fondamentale di scongiurare la riconversione della sala dell’ex-cinema Concerto in parcheggio. Infatti, dopo la manifestazione-happening RIParte tenutasi al Mercato coperto nello scorso aprile, adesso ConcertAzione, in collaborazione con l’Istituto Campana e con il patrocinio dell’Assessorato alla Cultura di Osimo, è tornato alla carica organizzando una serie di 6 incontri culturali e cinematografici, aventi come oggetto i 150 anni dall’Unità d’Italia ed intitolati programmaticamente: "Fratelli in Italia".

Assolutamente positivo il bilancio delle prime due serate che ha superato le più rosee previsioni: nella prima, tenutasi il 13 gennaio, c'è stata una conferenza tenuta dal prof. Angelo Ventrone ( docente storia contemporanea Università di Macerata).Nella seconda, svoltasi il 27 gennaio, è stato presentato il dvd “Di mestiere faccio il paesologo”, con il forfait per malattia dell'autore Franco Arminio. Risultato? Il teatrino Campana riempito praticamente in ogni ordine di posti in entrambi le serate, e lusinghieri i giudizi dei partecipanti a questa iniziativa di ConcertAzione che vuol tenere sempre alta l'attenzione su di una deprecabile eccezionalità della città di Osimo, tuttora priva di una sala cinematografica.

La rassegna continua il 10 febbraio con un altro ospite imperdibile: Italo Moscati, scrittore, regista, sceneggiatore che presenterà il suo “Concerto Italiano. Storie e storie dell’Unità d’Italia”.





rassegna 'Fratelli in Italia'

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-01-2012 alle 13:37 sul giornale del 30 gennaio 2012 - 657 letture