utenti online

x

SEI IN > VIVERE OSIMO > POLITICA
comunicato stampa

Fontanella (Fli): 'Il centro storico di Osimo sta morendo'

2' di lettura
1825

osimo

Il centro storico di Osimo è diventato decisamente triste. Dire vuoto è poca cosa, anche i commercianti attestano e spesso sottolineano sempre di più questa situazione.
 

Di contro ci sono dei residenti che questo hanno sempre voluto e in questo momento specifico hanno ottenuto. Residenti che non hanno assolutamente la piu' pallida idea di cosa significhi abitare in un “centro storico”.

Ma l'apoteosi è l'ordinanza di chiusura di un locale, che se ha violato delle regole, deve assolutamente porvi rimedio, ma da lì ad ordinarne la chiusura ce ne corre.

Siamo davvero al paradosso, abbiamo proposto ormai da un anno di proporre ai locali del centro il suolo pubblico annuale, con la spesa diluita nel tempo ad un prezzo forfettario, piuttosto che pagarlo per soli tre mesi.

Basterabbe guardarsi attorno, Ancona ad esempio, Senigallia al foro Annonario ma di esempi potrebbero essercene tanti. Abbiamo da più di un anno proposto il wifi in centro storico, anche qua basterebbe guardarsi attorno, Loreto e Falconara lo hanno già. Ad Osimo lo abbiamo messo nella Sala Gialla e in biblioteca, quando mai qualcuno è andato in una biblioteca per collegarsi ad internet? E nella Sala Gialla, giornalisti a parte, a chi serve?

Abbiamo da più di un anno proposto la ripulitura e la ristrutturazione del loggiato, rimasto sempre più una “latrina”, pubblica del resto..

Invece di provare a fare tutto ciò cosa si fa? Un'ordinanza di chiusura per un locale del centro, frequentato per lo piu' da giovani, che ripetiamo, se ha violato delle regole deve adeguarsi, ma nello stesso tempo ci domandiamo: tutte le manifestazioni osimane del “magna e bee” RISPETTANO IN PIENO LE NORME IGENICO SANITARIE?

Speriamo che da domani si usi un peso e una misura per tutti, chiediamo pubblicamente alle autorità competenti di effettuare i dovuti controlli fin dalla prossima manifestazione.



osimo

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-01-2012 alle 16:10 sul giornale del 12 gennaio 2012 - 1825 letture