utenti online

Paola Andreoni (Pd): ‘Le Liste Civiche sono impegnate a discutere di poltrone, Osimo e i suoi problemi possono aspettare’

Paola Andreoni 2' di lettura 11/11/2011 -

Mentre Osimo soffre per le conseguenze drammatiche della crisi economica e finanziaria, le Liste cittadine alla guida della città, - pressate da  Buccelli (Futuro e Libertà) che rivendica un assessorato come contropartita per l’appoggio politico dimostrato -, discutono e litigano  sulle poltrone.



Un settimo Assessore del quale nessuno vede la necessità. Solo pochi mesi fa, il Sindaco Simoncini si è visto sottrarre la maggior parte delle deleghe, dei compiti e delle funzioni a favore dei consiglieri comunali di maggioranza e in particolare dell’altro “Sindaco”. Una sorta di “commissariamento” del Sindaco eletto.

Ecco, questo si sta consumando in città, il peggior esempio e servizio che la politica possa dare ad una comunità. Una comunità il cui presente è cupo per via di una crisi che si manifesta con la chiusura giornaliera di importanti insediamenti industriali, e il cui orizzonte appare ancor più preoccupante dato l’imminente approvazione della così detta Legge di stabilità che colpirà ancora una volta i Comuni e i loro gia “magri” bilanci.

Nel Paese, visti i tempi che corrono, si chiede alla politica: “un passo indietro”, una riduzione degli spazi e un contenimento dei costi. Ad Osimo invece, le liste alla guida della città, indifferenti agli allarmanti messaggi che arrivano dalla società civile e con atteggiamento anacronistico rispetto alla realtà , sono impegnate a discutere e prendono provvedimenti a favore:

1) di un nuovo assessore;
2) di aumenti dei compensi per i Presidenti delle società partecipate;
3) di aumenti delle indennità a favore di alcuni dirigenti esterni.

L’azione amministrativa per la città, le idee e gli interventi per favorire la ripresa economica delle imprese cittadine e per aiutare le famiglie osimane in difficoltà, sono tutte bloccate perchè nel Palazzo Comunale ci si preoccupa e si discute esclusivamente di politica, nella sua accezione più bassa: poltrone ed incarichi.

Siamo alle solite. Un ulteriore segno dell’incapacità e dell’inconsistenza politica del Sindaco Simoncini e delle Liste cittadine, sempre più lontani dai problemi degli osimani e sempre più succubi e prigionieri della volontà e delle ambizioni personalistiche del loro “grande capo”.

Ci aspettiamo un sussulto di orgoglio, una presa di distanza da parte di quegli “onesti e puri” esponenti delle Liste capaci di aprire gli occhi, e rendersi conto dei veri interessi e mire che regolano la vita del movimento delle civiche osimane.E’ chiedere troppo?

Non prendere le distanze a lungo andare vuol dire diventare complici dello stesso disegno e si sa che questo non ha niente a che fare con il bene della città e degli osimani.


da Paola Andreoni
Presidente Consiglio Comunale Osimo





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-11-2011 alle 14:30 sul giornale del 12 novembre 2011 - 959 letture

In questo articolo si parla di politica, osimo, partito democratico, paola andreoni, stefano simoncini, dino latini, alessandro buccelli, Comune di Osimo, vivere osimo, pd osimo, fli osimo, notizie osimo, politica osimo, liste civiche osimo, sidaco osimo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/ryd





logoEV
logoEV