utenti online

x

SEI IN > VIVERE OSIMO > CULTURA
articolo

Castelfidardo, presentata la nuova guida della città edita dal Sistema Museale della Provincia di Ancona

2' di lettura
892

A metà strada tra un depliant e una pubblicazione scientifica, il formato tascabile della nuova guida della città ha riscosso un consenso immediato. Una prima tranche di copie è già andata letteralmente a ruba, testimoniando la qualità di un prodotto agile ispirato ad una filosofia di rete.

Realizzato dal Sistema Museale della Provincia di Ancona in collaborazione con il Museo della Fisarmonica e quello del Risorgimento, fa parte infatti di una collana composta da 12 elementi dedicati a Cerreto d’Esi, Cupramontana, Fabriano, Falconara Marittima, Genga, Maiolati Spontini, Morro d’Alba, Ostra Vetere, Sassoferrato, Serra de’ Conti e Serra San Quirico.

Negli appositi espositori dei Musei e dei punti di informazione del sistema turistico della Marca anconetana di ciascuna città, è possibile trovare la “guida” delle altre, suscitando così interesse e valorizzando, come ha detto il direttore Giorgio Mangani, "questi piccoli borghi storici che sfuggono allo star system ma che il turismo sta scoprendo e sempre più apprezzando per la loro dimensione familiare e la cura delle tradizioni".

Un progetto a sostegno delle Amministrazioni locali "finalmente concretizzato grazie al fondamentale contributo della fondazione Cariverona – ha premesso il presidente dell’Associazione Museale Alfonso Capriolo -, un lavoro orientato su due binari, rivolto cioè sia ai cittadini che ai turisti che fra queste pagine possono trovare uno stimolo alla visita e all’approfondimento".

Stampata con una tiratura di 2000 copie, la guida di Castelfidardo riporta in copertina l’immagine di una fisarmonica, una scelta apprezzata dal Sindaco Mirco Soprani che ha voluto ospitare la cerimonia di presentazione nella cornice naturale del Museo internazionale di via Mordini, che ha vissuto una stagione record con punte di 1200-1300 biglietti al mese. "C’è chi insinua che la cultura sia effimera, quando invece va sostenuta e diffusa in tutte le sue valenze". Un volano promozionale che convince anche Vincenzo Canali ed Eugenio Paoloni, presidenti del Museo della Fisarmonica e della fondazione Ferretti che hanno partecipato alla stesura dei testi con Beniamino Bugiolacchi e Daniele Carlini.

Le 59 pagine con tanto di immagini a colori sono articolate su sei sezioni: storia della città, itinerari storici, i dintorni, i musei, i prodotti tipici e i principali luoghi di interesse nelle vicinanze.





Questo è un articolo pubblicato il 29-10-2011 alle 17:21 sul giornale del 31 ottobre 2011 - 892 letture