utenti online
SEI IN > VIVERE OSIMO > POLITICA
articolo

Castelfidardo, Novelli (Prc) sul Cinema Astra: 'Operazione discutibile, il Comune perderà 15mila euro all'anno'

1' di lettura
621

Mario Novelli

Questa Amministrazione comunale non finisce mai di stupirci: dopo il “capolavoro” affaristico della permuta dell’ex Convento di S.Agostino e della transazione con l’ex Cigag, ora i nostri amministratori si accingono a concludere un’altra discutibile operazione con gli attuali gestori del cinema Astra.

Il Comune di Castelfidardo, per 12 anni, ha concesso in locazione il cinema all’attuale gestore per un canone annuo di Euro 15.308,54 oltre I.V.A. Con delibera di Giunta del 13 ottobre 2011, l’Amministrazione comunale, dopo aver disdetto il contratto di locazione a gennaio 2011, intende concedere il cinema in comodato gratuito per altri quattro anni agli stessi gestori i quali potranno utilizzarlo il venerdì, il sabato, la domenica ed il lunedì, mentre le spese per acqua, luce e gas sono anch’esse a carico del Comune.

Il Comune a sua volta potrà utilizzarlo liberamente tutti i martedì, i mercoledì ed i giovedì, mentre unico onere a carico del gestore è la spesa per le pulizie, così come l’apertura e la chiusura del locale.

Innanzitutto, crediamo che il Comune avrebbe dovuto verificare con una gara se vi fosse un’offerta economica più vantaggiosa. Siamo convinti infatti che se per 12 anni l’attuale gestore ha continuato a lavorare, lo ha fatto perché aveva utili di gestione. Ora, non solo il Comune perde oltre 15.000,00 Euro di affitto all’anno, ma si fa anche carico delle spese di gestione che, viste le dimensioni del locale, non sono di poco conto. Tutta l’operazione ci sembra economicamente svantaggiosa per le casse comunali anche alla luce del fatto che il Comune utilizza il cinema Astra solo poche volte l’anno.

Ci auguriamo un ripensamento dell’Amministrazione e, soprattutto, un dibattito consiliare sul punto.



Mario Novelli

Questo è un articolo pubblicato il 20-10-2011 alle 12:02 sul giornale del 21 ottobre 2011 - 621 letture