utenti online

Comitato genitori C. G. Cesare, 'Tutelare il diritto di poter scegliere la scuola ritenuta idonea per i propri figli'

scuola 3' di lettura 27/09/2011 -

Come Comitato, vogliamo precisare che all’incontro tenutosi mercoledì 21 settembre, con i dirigenti scolastici degli istituti comprensivi osimani, presso il Municipio, incontro avente ad oggetto il dimensionamento scolastico a.s. 2012/2013, il Sindaco in realtà era assente. Il suddetto incontro è stato presieduto dall’Assessore all’Istruzione Giacchetti.



Entrando nel merito della questione oggetto del nostro interesse, vale a dire il nuovo dimensionamento degli istituti comprensivi alla luce delle direttive della Regione e della Provincia, dobbiamo con franchezza dire che la proposta comunale di realizzazione, nel plesso Piazzale Bellini, di due ingressi separati E’ IMPROPONIBILE ed in contrasto con le disposizioni della ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE, contenute nella Delibera n. 30, NELLA QUALE SI AFFERMA CHE “I COMUNI DEVONO ATTENERSI AI SEGUENTI CRITERI : “Individuare le condizioni strutturali ed organizzative ottimali per la realizzazione dell’unitarietà del ciclo primario e secondario di primo grado, attraverso l’istituzione di istituti comprensivi sulla cui formula dovrà essere progressivamente conformato il ciclo primario e secondario di primo grado. Nell’attuare tale disposizione i Comuni devono salvaguardare l’unitarietà dell’Istituto comprensivo, pertanto lo stesso plesso non può ospitare classi e/o sezioni di due Autonomie scolastiche”. Se risponde al vero che la proposta avanzata dall’Amministrazione comunale “ è una soluzione temporanea, in attesa che venga completata la ristrutturazione della sede di “Santa Lucia”, non si vede il motivo di affrontare spese per frazionare un unico plesso che ospiterebbe di fatto “classi e/o sezioni di due Autonomie scolastiche”. In ogni caso, a prescindere dal fatto che, almeno in base alle notizie in nostro possesso, non si comprende bene quale connessione ci sia fra i lavori che devono essere effettuati alla S. Lucia e il problema che caratterizza P.le Bellini, appare evidente che la convivenza in un unico plesso di scuole appartenenti a due istituti Comprensivi “deve essere superata definitivamente con l’Anno Scolastico 2012-2013”.

Da questo punto di vista, le direttive della Regione e della Provincia sono chiare e non danno luogo a dubbi o fraintendimenti. In quanto alle linee di indirizzo emanate dal Comune per la formazione delle classi prime, relativamente all’anno scolastico 2012/2013, dobbiamo dire che il numero di cinque classi attribuito alla “ Caio Giulio Cesare” non è accettabile e non corrisponde alla realtà di un Istituto che da quatto anni consecutivi forma sei classi prime nella Scuola Secondaria di Primo Grado di P.le Bellini, sede Legale dell’Istituto stesso. D’altra parte, le assegnazioni delle classi agli Istituti, per la costituzione dell’Organico di Diritto, spettano esclusivamente all’Ufficio Scolastico Provinciale, il quale deve tenere conto del numero delle iscrizioni, attribuendo le classi “unicamente sulla base dei parametri di legge” (Ordinanza cautelare del TAR delle Marche n.715 del 28 Luglio 2011 e successivo Provvedimento Ufficio Scolastico Provinciale 10442/A30b). Il Comitato Genitori si attiverà per tutelare e consolidare “il Diritto dei Cittadini Osimani di poter scegliere la scuola ritenuta idonea per i propri figli”, in base all’Offerta Formativa proposta dalle singole Autonomie Scolastiche, per l’anno scolastico 2012-2013.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-09-2011 alle 17:29 sul giornale del 28 settembre 2011 - 814 letture

In questo articolo si parla di scuola, attualità, genitori, osimo, comitato, aula

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/pM5