Offagna: in uno dei borghi più belli d'Italia si crea il nuovo circolo PD

Partito Democratico 2' di lettura 21/09/2011 -

Il 20 settembre si è svolta un' assemblea che ha di fatto dato il via alla nuova struttura territoriale dei Democratici.



All' assemblea svoltasi ad Offagna hanno partecipato il Sindaco di Offagna Stefano Gatto, il Segretario provinciale Emanuele Lodolini e il consigliere regionale Enzo Giancarli responsabile Enti Locali PD Marche. Il giovane Samuele Tommasi, Capo Gruppo di Maggioranza, è il portavoce dei Democratici di Offagna. 'E’ una notizia positiva per il Partito Democratico. In un momento così difficile per il Paese – ha commentato il Segretario Lodolini – inaugurare un Circolo PD è un bel segnale che viene dal territorio, un atto di responsabilità, un’assunzione di responsabilità per la comunità e per l’Italia tutta che deve uscire dalla palude in cui l’ha messa questo Governo. La presenza di tante persone è la testimonianza più evidente della voglia di partecipare e di rimboccarsi le maniche che attraversa la nostra gente e i nostri territori. C’è grande voglia di discutere, di democrazia, di partecipazione'.

Enzo Giancarli, responsabile Enti Locali PD Marche ha ricordato che 'sostenere il sistema delle autonomie locali, per noi, significa rendere possibile la ripresa economica, difendere la competitività del sistema Italia e del sistema Marche, garantire prestazioni e servizi alle famiglie, alle comunità, ai territori, in una parola: assicurare la coesione sociale e battersi contro l'incremento delle tasse locali che il governo intende imporre'.

Per i Democratici occorre rimettere in cammino l’Italia. La crisi è finanziaria, del lavoro e una crisi politica che sta creando in modo galoppante sfiducia e distacco fino a un punto di allarme. Le agenzie di rating hanno declassato l’Italia perché sostengono che il Governo non ha credibilità né capacità di affrontare la crisi. Dopo aver approvato una scia di manovre pesantissime ed inique, i conti non tornano perché l'economia va in recessione.

Per uscire dalla spirale distruttiva nella quale si trova il Paese è necessaria, prima di tutto, la sostituzione del governo Berlusconi con un esecutivo credibile, affidabile, autorevole, ad ampia base parlamentare. A tale esecutivo va affidato il compito di riaprire la stagione delle riforme, della politica industriale, degli investimenti per sostenere la crescita.

Non servono ulteriori manovre di finanza pubblica. Serve, invece, correggere l'iniquità delle manovre estive al fine di minimizzarne l'impatto depressivo.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-09-2011 alle 14:35 sul giornale del 22 settembre 2011 - 579 letture

In questo articolo si parla di politica, partito democratico, ancona, pd

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/pyX





Array ( [0] => 00000 [1] => [2] => )