utenti online

Calcio: Castelfidardo, si riparte da una sconfitta per vincere il prossimo anno

pallone da calcio 4' di lettura 01/06/2011 -

Sono le 18.22 di domenica 29 maggio 2011, quando allo Stadio “Mancini” di Fano arriva il triplice fischio conclusivo. La finale play off per stabilire la seconda classificata del campionato di Promozione Girone A tra Cagliese e Castelfidardo si conclude con il risultato di due reti a zero per la squadra pesarese.



Per il G.S.D. Castelfidardo si chiude così la stagione sportiva 2010/2011. Il sogno di arrivare alla finalissima con la vincente del Girone B tra Porto Recanati e Potenza Picena per aggiudicarsi un posto nel campionato di Eccellenza, il massimo torneo regionale, si infrange al termine di una partita tiratissima in cui i bianco-verdi fidardensi hanno lottato con grinta e coraggio e subendo un passivo molto più pesante rispetto al gioco espresso nell’arco dei novanta minuti. Il rammarico è tanto, ma non si può trovare un responsabile o accusare qualcuno della sconfitta, perché tutti, dal primo all’ultimo dei giocatori, così come dal presidente ai dirigenti accompagnatori, hanno dato il massimo per spingere una città intera nell’Olimpo del calcio dilettantistico regionale. Da questa sconfitta si deve ripartire per cercare, nuovamente, il prossimo anno, la tanto agognata promozione in Eccellenza. Il volto del Presidente Costantino Sarnari, segnato dall’amarezza per la sconfitta e dalla commozione che ogni uomo prova quando non riesce a compiere l’impresa proprio sul più bello, al termine di una partita comunque emozionante, esprimeva tutto lo stato d’animo della squadra e della società. Sarnari, oltre ad essere il Presidente del G.S.D. Castelfidardo Calcio e il primo tifoso di questa gloriosa società fondata nel 1944, è proprietario del club da 8 anni, nonché main sponsor da oltre 15, ed ha sempre desiderato consegnare alla città della fisarmonica una squadra di calcio in grado di lottare con le altre società blasonate marchigiane che disputano il campionato di Eccellenza.

La società navigava nel limbo della seconda categoria quando Sarnari è diventato Presidente. Anno dopo anno, con programmazione e lungimiranza, ha investito energie e risorse per primeggiare in Seconda Categoria, in Prima Categoria e in Promozione. Non si è mai fermato. E’ riuscito a conciliare i suoi impegni imprenditoriali con la famiglia e con la sua grande passione: il G.S.D. Castelfidardo. Ha portato nella sua città e nel suo club giocatori importanti che gli hanno fatto fare un notevole salto di qualità. Ha coccolato come un padre generoso, comprensivo ed affettuoso ogni suo giocatore. Ha preso scelte impopolari, anche di sua spontanea volontà, per il bene della società. Ha dimostrato di avere lungimiranza e di saper guardare lontano andando a scovare nella rosa quelle figure che avessero le idee e il carisma per guidare da allenatore il valido gruppo di giocatori che ogni anno costruisce. Tutta la dirigenza, rappresentata dal Vice Presidente Franco Baleani, lo ringrazia per la fantastica annata, per essere riusciti, dopo tanti anni, ad arrivare fino alla finale play off del proprio girone e per aver riscaldato il cuore di tutti i tifosi biancoverdi. Non si ricorda a memoria da quanti decenni il popolo del “Castello” non si mobilitasse in massa (al “Mancini” di Fano erano presenti 800 tifosi) e partecipasse con tanto entusiasmo ad una trasferta così lontana. Anche questo è motivo di gratitudine verso Sarnari. Il direttivo del G.S.D. Castelfidardo si auspica che dopo l’amarezza per una stagione, comunque meravigliosa, finita con una sconfitta che premia i propri avversari oltre i loro meriti, ritorni immediatamente lo spirito del guerriero e la voglia di conquistare la prossima vetta, perché la città di Castelfidardo merita il grande palcoscenico dell’Eccellenza. Ed è solo con questo grande uomo che ci si riuscirà. Dalla sconfitta di Fano si ripartirà per vincere. Già dal prossimo anno. Lo scrittore Paulo Coelho ha detto: “Un guerriero accetta la sconfitta. Non la tratta con indifferenza, non tenta di trasformarla in vittoria. Egli è amareggiato dal dolore della perdita, soffre all’indifferenza. Dopo aver passato tutto ciò, si lecca le ferite e ricomincia tutto di nuovo. Un guerriero sa che la guerra è fatta di molte battaglie: egli va avanti”.


   

da G.S.D. Castelfidardo




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-06-2011 alle 18:01 sul giornale del 03 giugno 2011 - 1157 letture

In questo articolo si parla di sport, castelfidardo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/lxU





logoEV
logoEV