utenti online

Pellegrini (Pd): 'Simoncini dimezza il consenso delle liste civiche in città'

Partito Democratico 2' di lettura 30/05/2011 -

Su una cosa penso che Latini abbia assolutamente ragione: il Sindaco Simoncini, se continua di questo passo, dimezzerà decisamente il consenso delle liste civiche in città.



Se questa però è una bella notizia, quella brutta è che il Sindaco non solo non ne acchiappa una, ma sta provocando dei danni.

Dopo le idee demenziali tipo il parcheggio a posto del cinema (e per di più di fronte alla basilica di San Francesco!), ora l'Amministrazione comunale si è messa in testa di sfasciare le scuole osimane.

Ma partiamo con ordine. Il Sindaco e le liste civiche, che nel campo della scuola si stanno muovendo con la stessa grazia di un elefante nella cristalleria, dopo il fantomatico progetto del campus di via Vescovara, che si è rilevato solamente fumo sugli occhi, hanno provato a cancellare la Bruno da Osimo dal centro storico perchè lì volevano fare gli appartamenti di pregio.

A fronte della rivolta dei genitori, l'Amministrazione comunale, senza un cenno di imbarazzo per tutte le fanfaluche propagandate fino ad un giorno prima, ha capito finalmente che era il caso di mollare l'osso e per ora ha fatto marcia indietro.

E così il nostro Sindaco, invece di pensare a costruire le scuole, ha iniziato a sfasciare la Caio Giulio Cesare , con tanto di volgari e squallidi manifesti delle liste civiche che attaccavano la persona del Dirigente scolastico della scuola.

In questo contesto fatto di attacchi manigoldi, di rozzezza culturale e di plateale strumentalizzazione politica, il Sindaco, debordando da quelle che sono le sue competenze istituzionali, pretende con arroganza di decidere a posto delle famiglie dove devono mandare a scuola i loro figli!

Ma si è mai vista una cosa del genere? Come sempre accade però, alla arroganza si accompagna la codardia . Di fronte alla richiesta dei genitori della Caio Giulio Cesare di essere ricevuti sabato mattina dal Sindaco e dall'assessore Giacchetti, questi campioni delle chiacchiere si negano dicendo che hanno altri impegni istituzionali , cosicchè ha dovuto riceverli il povero assessore Pirani che si trovava in Comune lì per caso!

Il vero punto della questione è che In tema di edilizia scolastica l’amministrazione comunale non sa davvero dove mettere le mani e “la testa” perchè in tutti questi anni non ha saputo gestire il problema di sua competenza che è appunto quella di fornire strutture scolastiche moderne e adeguate alla popolazione scolastica.

La morale della storia è che le famiglie devono essere libere di iscrivere i figli nella scuola che preferiscono, i Dirigenti scolastici e gli Uffici scolastici regionali devono adeguarsi a questo diritto primario, e l'Amministrazione comunale deve pensare all'edilizia scolastica.


da Mauro Pellegrini
PD circolo di Osimo





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-05-2011 alle 18:09 sul giornale del 31 maggio 2011 - 788 letture

In questo articolo si parla di politica, osimo, partito democratico, mauro pellegrini, pd, pd osimo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/lsw





logoEV
logoEV