utenti online

Andreoni: 'Ridare anima e dignità alla nostra città'

Paola Andreoni 1' di lettura 06/05/2011 -

Il Consiglio Comunale che si è tenuto il 29 aprile è stato il peggior Consiglio a cui abbia mai partecipato. Strafottenza, mancanza di rispetto son diventate ormai la normale aria che si respira all’interno del Civico Consesso ma mai si era giunti ai toni tenuti nella riunione di venerdì 29 aprile.



Ho assistito e sono stata vittima di comportamenti non congrui con il ruolo istituzionale e di garanzia che un Sindaco dovrebbe assumere. Nella più assoluta sordità alle regole, scritte e non scritte che regolano il normale dibattito politico. Un sindaco che in continuazione accusa la minoranza e la sottoscritta di “lavorare contro la città” sapendo di mentire, non è un Sindaco di tutti. Un sindaco che non rispetta le opinioni e le critiche dell’opposizione, democraticamente espresse tramite voti contrari, non è un Sindaco di tutti.

Un sindaco che durante il Consiglio sbeffeggia gli avversari con battute di terz’ordine, non è un Sindaco di tutti. Un comportamento quello tenuto dal sindaco Simoncini e dai consiglieri delle “liste Simoncini&Latini” a dir poco irriguardoso finalizzato a delegittimare gli avversari e di privarli dei diritti che il regolamento e il buon senso, stabiliscono a garanzia del ruolo di ciascuno. E’ per ottenere il rispetto di questi diritti che continueremo la nostra azione in tutte le sedi che riterremo opportune, e sulla base del mandato che ci hanno conferito gli elettori non verremo mai meno ai nostri doveri di vigilanza, di controllo e naturalmente di critica.


da Paola Andreoni
Presidente Consiglio Comunale Osimo





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-05-2011 alle 15:26 sul giornale del 07 maggio 2011 - 723 letture

In questo articolo si parla di politica, osimo, partito democratico, paola andreoni, stefano simoncini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/ksY





logoEV
logoEV