utenti online

PD: c'è ancora bisogno di riaffermare principi del 25 Aprile

partito democratico 2' di lettura 25/04/2011 -

Sembra davvero incredibile ma, 66 anni dopo la Liberazione e a 150 anni dall’Unità d’Italia, nel Paese c'è ancora bisogno di riaffermare principi che per noi restano scontati, ma che per altri, purtroppo, sembrerebbero non più scontati. I principi dell'eguaglianza di tutti davanti alla legge, dell'autonomia e dell’indipendenza della magistratura, dell’equilibrio tra i poteri, dell'unità nazionale, del progresso e della coesione sociale.



E allora sono due le riflessioni che mi sono venute in mente in occasione di questo 25 Aprile.
La prima. Il Risorgimento, la Resistenza e la Costituzione sono i pilastri fondamentali dell’Italia unita, libera e democratica.
La seconda. Quanta storia esprime il nostro territorio. Cuore dell’Italia che vogliamo.

L’Unità d’Italia. La battaglia di Castelfidardo del 18 settembre 1860 è una pagina gloriosa e fondamentale del libro dell’Unità. La testimonianza diretta di come questa parte del territorio nazionale abbia svolto ma possa e debba svolgere ancora oggi sempre più quel ruolo di cerniera nazionale che la Storia le assegna. Non per celebrare il passato. Ma per una nuova modernizzazione del Paese al centro della quale vi siano le giovani generazioni. Per ricostruire il fondamento civile del nostro stare insieme. Per ritrovare il senso di un destino comune.

La Resistenza. Arcevia, in particolare. Un dovere morale e civile tramandare la memoria dell’Eccidio di Monte S. Angelo. Arcevia per noi è stata e continuerà sempre ad essere il luogo della memoria, perché nessuno e nulla sia dimenticato e perchè l’orrore di ieri non accada mai più. Con questo spirito il 15 maggio saremo presenti ad Arcevia. Come ogni anno. Da sempre.

Tornare a questi due momenti della nostra storia (il Risorgimento e la Resistenza), che videro protagonisti molti giovani, significa riconoscere che nei momenti più difficili, più duri, il Paese ha saputo sempre offrire il meglio di se liberando quelle energie positive di cui lo stesso da sempre è ricco.

Quelli odierni non sono giorni facili. Tutt'altro. Ma ho speranza. Ho fiducia nel futuro. E questo è, a mio avviso, il momento in cui occorre necessariamente ricostruire una Speranza. Una Speranza di cambiamento. Una Speranza contro la paura e l'egoismo.

Buon 25 Aprile! W il 25 Aprile






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-04-2011 alle 18:04 sul giornale del 26 aprile 2011 - 633 letture

In questo articolo si parla di politica, partito democratico, ancona, pd

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/j1N





logoEV
logoEV