utenti online

Castelfidardo: Lorenzetti su scuola media, 'L'impegno non è stato rispettato'

valentino lorenzetti 3' di lettura 01/12/2010 -

Durante la precedente campagna elettorale SP si è sgolata a ribadire che la costruzione della nuova Scuola Media sarebbe stato l’obiettivo primario del loro governo. Invece,una volta vinte le elezioni la Giunta si è concentrata quasi esclusivamente sul progetto di P.ta Marina che ha richiesto ben due anni per essere pianificato.



Data l’entità dei beni messi in ballo: ex Scuola elementare delle Crocette ed ex Convento di S.Benedetto, terreno in via Monticelli sembrava un gioco da ragazzi trovare i sei milioni di euro necessari per la realizzazione dell’edificio scolastico in via Montessori. Edificio che inizialmente avrebbe dovuto prevedere la sistemazione dei due comprensivi, Soprani e Mazzini oltre alla Palestra. Già comunque si cominciavano a intravedere i primi segnali della crisi economico-finanziaria che stava avanzando. La riduzione del mercato edilizio ne era un chiaro anticipatore. La tranquillità all’Amministrazione derivava dal fatto che qualcuno aveva assicurato l’esistenza di una cordata composta da banche e costruttori interessata all’acquisizione degli immobili in cambio della edificazione della struttura scolastica secondo la modalità del project financing.

Ben presto tale aspettativa si è rivelata un miraggio. Non solo perchè non si vendevano più gli appartamenti ma anche per la difficoltà che si sarebbe incontrata nel ristrutturare l’ex convento di S.Benedetto e l’ex Scuola delle Crocette. Sul primo avrebbe potuto pesare un vincolo della Soprintendenza ai Beni Culturali e sulla seconda la sua concezione architettonica non avrebbe permesso di ottenere un adeguato centro residenziale. Si è passati allora, dopo circa due anni, crisi in atto, alla seconda fase con il progetto ridimensionato a un fabbricato che avrebbe ospitato solo il comprensivo Soprani. Spesa finale 3.500.000euro.

Beni offerti l’ex Scuola delle Crocette e il terreno di via Monticelli. Niente palestra, niente trasloco in blocco dalla vecchia sede che una perizia tecnica riconosce a rischio sisimico. Sui cinque blocchi in cui è stato suddiviso l’edificio ben quattro sono risultati non resistere alle sollecitazioni nelle prove virtuali al computer. La storia recente racconta che la gara è andata vuota a luglio così come a settembre nella fattispecie della trattativa diretta. Ora il Sindaco Soprani spera di trovare tra gli imprenditori edili di Castelfidardo i “benefattori” che lo tirino fuori dalla situazione di stallo.

Non sarebbe stato più sicuro, una volta preso atto del momento congiunturale, contare sulle proprie forze, cioè pubbliche, mettendo da parte tutti gli altri progetti che avrebbero potuto attendere? La campagna elettorale del 2006 è stata vinta grazie all’impegno dinanzi ai cittadini di costruire la nuova Scuola Media. Non erano prioritari sicuramente i lavori di P.ta Marina né quelli della Strettoia. Convengo con Soprani che l’impatto dei suddetti sulla gente è di sicuro positivo ai fini della prossima campagna. Mi dispiace però prendere atto che chi dovrebbe guardare ai bisogni della collettività pensa in ultima analisi a costruire facciate per essere rieletto.


da Valentino Lorenzetti
capogruppo consiliare Unione




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-12-2010 alle 17:16 sul giornale del 02 dicembre 2010 - 634 letture

In questo articolo si parla di attualità, castelfidardo, valentino lorenzetti, unione

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/e1b





logoEV