Ospedale di Rete: la mozione di Latini e Pieroni accolta dai Comuni

1' di lettura 10/11/2010 -

I consiglieri regionali Dino Latini (API) e Moreno Pieroni (AR) hanno presentato una mozione per richiedere la salvaguardia delle strutture sanitarie della Valmusone in attesa del nuovo ospedale di rete dell'Aspio. I Comuni limitrofi appoggiano questa proposta e sabato 13 i Sindaci firmeranno un documento unico a sostegno della mozione.



La mozione presentata dai Consiglieri Regionali Latini e Pieroni in merito al nuovo progetto di dell'ospedale di rete/INRCA sito nella zona Aspio di Camerano che richiede l'implementazione dei reparti di ostetrici, ginecologia e pediatria come parte integrante delle nuovo ospedale, ha ricevuto il pieno appoggio dei Sindaci dei Comuni di Castelfidardo, Numana, Sirolo, Loreto, Osimo, Offagna, Recanati, Portorecanati, Filottrano, Agugliano, Camerano e Polverigi.

La mozione nasce proprio dall 'esigenza degli stessi sindaci che sabato 13 novembre alle ore 11,30 presso il Comune di Castelfidardo sottoscriveranno un documento unico congiunto di sostegno. Il rafforzamento dei servizi sanitari e la richiesta unanime per l'integrazione dei reparti di Ginecologia, Ostetricia e Pediatria e una priorità assoluta che la regione Marche non può non considerare, questo è l'impegno che viene rivolto alla giunta regionale.


da Dino Latini
Consigliere Regionale Api - Liste Civiche per l'Italia





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-11-2010 alle 19:18 sul giornale del 11 novembre 2010 - 1151 letture

In questo articolo si parla di regione marche, politica, osimo, castelfidardo, polverigi, camerano, loreto, ospedale di rete, moreno pieroni, recanati, dino latini, filottrano, offagna, porto recanati, agugliano, numana, sirolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/ee9