utenti online

Liberi e Forti: Cup unico regionale, una tragicommedia

1' di lettura 24/09/2010 -

In tempi di rigore economico è  giusto tagliare e cercare in tutti i modi di risparmiare; ma risparmiare sulla “pelle” dei cittadini assolutamente NO.



In tempi di rigore economico è giusto tagliare e cercare in tutti i modi di risparmiare; ma risparmiare sulla “pelle” dei cittadini assolutamente NO. Il cup unico partito lunedì 13 settembre, annunciato come una rivoluzione e panacea di tutti i problemi dei servizi ambulatoriali, ha fallito miseramente e non solo per le difficoltà logistiche, tra l’altro prevedibili, ma soprattutto per il pressappochismo con cui è stato organizzato il servizio ed il personale. Ore di attesa per parlare con un operatore, assolutamente impreparato ed anche un po’ terrorizzato, che cerca di dare informazioni il più delle volte sbagliate e fuorvianti del Servizio. Sicuramente il cup farà risparmiare sul personale, non sulle spese telefoniche, ma ci domandiamo: vale la pena sprecare ore di tempo per prenotare una prestazione sanitaria che comunque potrà essere effettuata dopo mesi di attesa? Perché prima di pensare ad un cup unico non si è cercato di risolvere l’abbattimento delle lunghissime code per le prestazioni sanitarie ambulatoriali? Questi sono i veri temi su cui noi di Liberi e Forti Forza Osimo chiediamo agli organi regionali competenti una risposta che dia certezza di una sanità degna di questo nome e non un teatrino di buoni propositi.

Francesca Triscari

Liberi e Forti - Forza Osimo






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-09-2010 alle 17:42 sul giornale del 25 settembre 2010 - 2437 letture

In questo articolo si parla di sanità, regione marche, politica, osimo, francesca triscari, liberi e forti, CUP

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/cxm





logoEV
logoEV