utenti online
SEI IN > VIVERE OSIMO > POLITICA

Liste Civiche: Strada di Bordo, la proposta di Cavina vecchia e inadatta

2' di lettura
728

Il concetto di alleggerimento del traffico per Cavina e Buglioni è quello che uno che abita in via Guazzatore deve arrivare al cimitero maggiore per prendere la strada di bordo.

Cavina ripete le stesse cose che Piergiorgio Buglioni dice dagli anni ’80: la strada di bordo deve essere collocata a nord. Una idea bocciata da tutte le amministrazioni. Il tracciato costerebbe oggi circa 60 milioni di euro e sarebbe irrealizzabile dal punto di vista delle difficoltà tecniche. Il concetto di alleggerimento del traffico per Cavina e Buglioni è quello che uno che abita in via Guazzatore deve arrivare al cimitero maggiore per prendere la strada di bordo. Quanto a ciò che hanno detto i capi dell’IDV a Roma, Cavina è meglio che si dia una rinfrescata di memoria. L’ultimo incontro delle liste civiche con il leader di IDV è stato il 5 dicembre 2009 e, come sempre è successo in passato, ognuno ha continuato ad andare per la sua strada. Se avessimo voluto salire sul carro non ci sarebbe stato i comunicati di Favia, gli anatemi di Buglioni e le sparate di Cavina. Ma noi percorriamo una strada diversa e autonoma, con le nostre gambe, sul territorio e non con gli slogan capestro. Quanto ancora alle strade aperte, Cavina è ignorante sul tema e non conosce la città, ma gli osimani vedono quante arterie sono state aperte e quante sono state sistemate e in fase di realizzazione. Nella zona nord ovest abbiamo aperto via Vicarelli, via Brizi e a breve il nuovo svincolo di via 2 Giugno, tanto per citarne alcune. Se il nuovo tratto della strada di bordo non piace a Cavina, non ci passi.



Questo è un articolo pubblicato il 27-07-2010 alle 19:11 sul giornale del 28 luglio 2010 - 728 letture