utenti online
SEI IN > VIVERE OSIMO > SPORT
comunicato stampa

Antonelli: 'Sullo skatepark solo facili polemiche e strumentali'

2' di lettura
2685

Gli organizzatori,  abituati a frequentare le altre strutture simili, hanno affermato che quella di Osimo è una delle migliore strutture di questo genere presenti in Italia. Si tratta di un riconoscimento importante che dovrebbe sgombrare il campo dalle facili polemiche che alcuni personaggi politici sono abituati a fare pretestualmente.

Sabato e Domenica scorsi, si è svolta in Osimo, nella struttura dello skate-park una importante manifestazione sportiva che ha coinvolto circa 90 skaters provenienti da tutta Italia: prova del campionato italiano di skateboard. Gli organizzatori, abituati a frequentare le altre strutture simili, hanno affermato che quella di Osimo è una delle migliore strutture di questo genere presenti in Italia. Si tratta di un riconoscimento importante che dovrebbe sgombrare il campo dalle facili polemiche che alcuni personaggi politici sono abituati a fare pretestualmente.

Mi riferisco alle affermazioni del Coordinatore di Generazione Italia Osimo, Alessandro Buccelli quando dichiara che lo skate-park non dispone dei più elementari servizi igienici. Bisogna infatti ricordare che la gestione della struttura è stata affidata dal Comune di Osimo alla Dribbling, società sportiva che gestisce anche il campo di calcetto “Cespo” completo di tutti i servizi necessari ad una struttura sportiva, nonché il bar, che si trovano a circa 50 metri dallo skate park. Pensare che ragazzi e atleti che durante un allenamento percorrono chilometri, sia pur con lo skate, non possano percorrere 50 metri in più mi sembra francamente limitativo.

Inoltre va detto che lo skate-park è predisposto per consentire un utilizzo giornaliero a tutti coloro che vogliono cimentarsi nella pratica dello skate. Solo occasionalmente, circa due volte l’anno, la pista viene utilizzata per eventi o manifestazioni sportive come quella del fine settimana scorso e ciò proprio perché si tratta di una struttura altamente qualificata. In quanto alle carte, le lattine e le bottiglie sparse nel park, ritengo che sia più corretto, sicuramente meno demagogico, richiedere ai frequentatori della struttura un comportamento consono. È bene, infatti, ricordare che l’amministrazione comunale ha imposto alla società di gestione l’adozione di un regolamento finalizzato alla tutela e alla sicurezza degli utilizzatori dell’impianto e contestualmente al mantenimento della struttura in condizioni ottimali di funzionamento. Sull’applicazione di tale regolamento per altro, visto che “l’Assessore allo sport se n’era accorto” l’amministrazione sta facendo un continuo monitoraggio.

Infine, ritengo che la proposta di coprire la pista con una tensostruttura dotata di docce calde e spogliatoi, sia assolutamente fuori luogo, sia per quanto detto sopra, ovvero la presenza di tutto ciò a soli 50 mt. dalla pista, sia perché sono convinto che chiudere la struttura ne limiterebbe il fascino e l’appetibilità da parte dei fruitori.

ASSESSORE ALLO SPORT Ing. Sandro Antonelli



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-07-2010 alle 17:30 sul giornale del 27 luglio 2010 - 2685 letture