utenti online
SEI IN > VIVERE OSIMO > POLITICA
comunicato stampa

Strologo attacca Buccelli: ha cambiato idea sia sugli Autovelox che su Fini

2' di lettura
2494

autovelox

Così come avevamo previsto, dopo che il PDL di Osimo ha evidenziato che (insieme ad alcuni rappresentanti delle Liste Civiche) anche Alessandro Buccelli era iscritto al Gruppo contrario agli autovelox fissi, lo stesso portavoce di Generazione Italia ha provveduto immediatamente a cancellarsi da tale gruppo Facebook, dimostrando, ancora una volta, di esser la quinta colonna dell’attuale maggioranza del suo amico Simoncini.

Inoltre, pur di mettersi in evidenza, Buccelli attacca personalmente Paola Andreoni, la quale ha ricevuto un incarico dalla maggioranza che governa la provincia di Ancona, di centro sinistra come quella della Regione Marche di cui fa parte anche il suo amico Latini.

Comunque, a proposito degli incarichi, Buccelli dovrebbe ricordare che fu proprio lui a contattare il Gruppo Consiliare del PDL, chiedendo di appoggiare e far votare, quale difensore civico, una persona a lui molto vicina, avendo già incassato il parere favorevole delle Liste Civiche.

Che dire, poi, dello stile di Buccelli nella campagna elettorale del 2009? Durante un incontro organizzato dal PDL ed alla presenza del ministro Matteoli, fece circolare una vela con un gigantesco manifesto che attaccava, in maniera offensiva, Luciano Secchiaroli. Sarebbe curioso, a tal proposito, conoscere quali sono i rapporti che, oggi, ci sono tra Secchiaroli, Pirani e Buccelli, cofondatori del circolo “il Caffè” che organizza eventi col patrocinio dell’Amministrazione Comunale.

Infine, dobbiamo anche parlare dell’ incoerenza politica di Alessandro Buccelli, il quale, quand’era coordinatore de “La Destra” (fino a pochi giorni fa) e durante una delle ultime elezioni elettorali, fece dei manifesti che ritraevano il Presidente Fini dietro delle sbarre, accusato di esser un traditore. Oggi, come per gli autovelox, Buccelli ha cambiato idea anche su Fini.



autovelox

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-07-2010 alle 17:40 sul giornale del 19 luglio 2010 - 2494 letture