utenti online
SEI IN > VIVERE OSIMO > CULTURA
comunicato stampa

Loreto: presentazione della monografia sull'artista Costantino Traietti

3' di lettura
2759

Per ricordare la figura e l’opera di Costantino Traietti (dopo l’importante mostra omaggio “Costantino Traietti  1928/1988 – La pittura dell’anima” realizzata nel 2002 dall’Assessorato alla Cultura della Provincia di Ancona), verrà presentata la monografia  Costantino Traietti  (1928 – 1988) - “Ora che è sera e non buio..." sabato 17 luglio, alle ore 17.00, presso la Sala Consiliare del Comune di Loreto, in corso Boccalini.
 

Sabato 17 luglio 2010, per ricordare la figura e l’opera di Costantino Traietti (dopo l’importante mostra omaggio “Costantino Traietti 1928/1988 – La pittura dell’anima” realizzata nel 2002 dall’Assessorato alla Cultura della Provincia di Ancona), verrà presentata la monografia Costantino Traietti (1928 – 1988) - “Ora che è sera e non buio..”. La presentazione della monografia, che prelude a mostre in progetto a Macerata, Roma e Milano,avrà luogo sabato 17 luglio, alle ore 17.00, presso la Sala Consiliare del Comune di Loreto, in corso Boccalini. La figura dell’Artista verrà ricordata da Rita Piangerelli e Massimo Di Matteo, con la partecipazione delle Autorità, in collaborazione con Domitilla Carnevalini e Lorenzo Traietti (rispettivamente vedova e figlio dell’Artista). L’iniziativa è stata realizzata con il patrocinio dell’ Ufficio di Presidenza dell’Assemblea Legislativa delle Marche, della Provincia di Ancona, del Comune di Loreto – Assessorato alla Cultura, dell’ ASI – Cultura, della Fondazione Carilo e della Fondazione Opere Laiche e Casa Hermes.

Brevi cenni biografici: Il 1° marzo del 1988, a seguito di un banale incidente, si spegneva Costantino Traietti, marchigiano d’adozione. Già frate agostiniano poi dispensato dai voti e sposatosi nel 1975, laureato in Teologia e Filosofia, personalità vivace e complessa, aveva coltivato la sua passione per la musica, la cultura in genere e l’arte a Roma, dove aveva fondato e diretto con dinamismo la Galleria d’Arte Sacra L’Agostiniana. Trasferito nel 1964 nelle Marche, ad Amandola nasce il Traietti pittore. Autodidatta, rielaborando, con tenacia e passione, la frequentazione dei maggiori artisti contemporanei nella Capitale degli anni Cinquanta e i primi anni Sessanta, raggiunse con la sua pittura l’apice del successo e della notorietà in campo nazionale quando nell’ottobre del 1974 a Roma gli viene conferito il Premio Marc’Aurelio. Ha esposto con successo a: Ascoli Piceno, Foligno, Berna, Zurigo, al XII Festival dei Due Mondi di Spoleto, Ancona, Roma, Milano, Copenaghen, Firenze, Venezia e in numerosissime città d’Italia. Sue opere si trovano in diverse raccolte pubbliche e private, italiane ed estere. Dell’Artista si è occupata varie volte la Rai-TV con servizi speciali, nel Telegiornale e in“Cronache Italiane”. Dall’inizio degli anni Ottanta ha abitato e lavorato a Loreto. Il suo linguaggio artistico, fauve e espressionista per la forte accentuazione cromatica e l’intensità del tratto, è stato spesso accostato, a ragione, all’arte di Georges Rouault , soprattutto per i riflessi di quel drammatico esistenzialismo cattolico che determina la scelta dei temi e la sofferta partecipazione degli stessi; ma le assonanze vanno ricercate in tutta la grande fucina dell’arte del XX secolo. La pittura di Traietti, comunque, così drammatica e legata alla sua vicenda umana, rimane autonoma, autentica e personale, incisiva ed inquietante, negli esiti sorprendenti di una figurazione destrutturata, nella stesura violenta e materica del colore e nella gestualità esasperata del segno.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-07-2010 alle 17:08 sul giornale del 17 luglio 2010 - 2759 letture