utenti online

x

SEI IN > VIVERE OSIMO > POLITICA
comunicato stampa

PDL Osimo: Astea, vince l'ignoranza, il GPO se ne va

2' di lettura
803

il GPO di Genova ha definitivamente deciso di recedere, non essendo disposto - come noi avevamo previsto! - a rimanere all’interno di una società che, da fiore all’occhiello della città di Osimo, sta diventando il classico esempio di società partecipata gestita ed amministrata male.


 

Hanno vinto l’ignoranza, l’incompetenza, l’arroganza e la presunzione. Hanno perso: l’Astea, Osimo e tutti i cittadini-utenti. Non è stata presa in considerazione nessuna delle proposte avanzate dal PDL di Osimo e, oggi, il GPO di Genova ha definitivamente deciso di recedere, non essendo disposto - come noi avevamo previsto! - ad accettare un ex netturbino con la terza media quale presidente e, soprattutto, amministratore delegato di una società per azioni che fattura oltre 60 milioni di euro. Giustamente (è questo l’unico avverbio appropriato), il socio privato non è disposto a rimanere all’interno di una società che, da fiore all’occhiello della città di Osimo, sta diventando il classico esempio di società partecipata gestita ed amministrata male. E per la vertenza Astea- GPO – Comune, il Sindaco di Osimo e la sua Giunta, nonostante la convenzione con lo studio legale Galvani, si sono affidati (pagandolo ulteriormente con i soldi nostri) ad un altro avvocato, il quale dovrà improvvisare una difesa impossibile dell’Astea e del Comune di Osimo, sostenendo che è buona amministrazione quella di conferire incarichi non sulla base di capacità, competenze e titoli di studio, bensì per far valere la logica di spartizione del potere. A questo punto, l’unica strada per salvare il salvabile, per mantenere un minimo di dignità e, forse, per convincere il socio privato a non abbandonare l’Astea, così facendola precipitare nel baratro, è rappresentata dalle dimissioni del Sig. Giancarlo Mengoni da amministratore delegato. Noi le chiediamo con forza ed a voce alta, nella consapevolezza che la stragrande maggioranza degli Osimani concorda sul fatto che una macchina come l’Astea non può esser guidata da chi ha la sola patente di incompetente!





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-06-2010 alle 09:25 sul giornale del 28 giugno 2010 - 803 letture