Calcio: San Biagio, ecco chi parte e chi ritorna

pallone da calcio 3' di lettura 23/06/2010 -

Fra partenze importanti e lieti ritorni, i biancorossi nelle ultime due settimane hanno dato l’accelerata alle trattative. Prima, dunque, le partenze. Alcune annunciate, altre più dolorose, altre ancora inevitabili per sfoltire una rosa che il nuovo allenatore Morra vuol portare da 25-26 giocatori a 22 massimo 23 compresi i portieri.



Inizia a muoversi il mercato estivo per l’allestimento della rosa 2010/2011 del San Biagio. Fra partenze importanti e lieti ritorni, i biancorossi nelle ultime due settimane hanno dato l’accelerata alle trattative. Prima, dunque, le partenze. Alcune annunciate, altre più dolorose, altre ancora inevitabili per sfoltire una rosa che il nuovo allenatore Morra vuol portare da 25-26 giocatori a 22 massimo 23 compresi i portieri. Iniziamo dalle partenze più dolorose. Dopo un lungo tira e molla il regista titolare Michele Catalani e la prima punta, anch’essa titolare, Luca Santolini hanno deciso di lasciare il San Biagio per seguire Danilo Tacchi all’Osimo Stazione. Un addio triste per la destinazione e per il fatto che i biancorossi non hanno potuto, per necessità e filosofia, giocare al rialzo sui rimborsi spesa offerta dai cugini biancoverdi. Due pedine e due ragazzi importanti per il gioco e per il gruppo che costringeranno il ds Sandro Veroli a trovare fra mille difficoltà degni sostituti ed evitare che la formazione si indebolisca eccessivamente. Altro addio di peso ma annunciato è quello di Michele Lucesole: l’esterno destro scenderà in Seconda categoria e ritroverà gli amici di sempre nel neopromosso Pietralacroce. Altre partenze sono quelle dei difensori Luca Leonardi, che fa ritorno dopo un anno nel “suo” Villa Musone, e Danilo Sancillo, che si trasferirà per alcuni mesi all’estero per studio. Sfoltita dunque la rosa, la società ha già iniziato a rimpiazzare alcune pedine nei ruoli strategici.

Il primo è la fascia destra, che salvo impegni lavorativi, vedrà protagonista Luca Pesaresi, classe 1985. Per lui si tratta di un ritorno: cresciuto nel San Biagio fa l’esordio in prima squadra con Tacchi: 4 ottimi campionati e poi il tentativo in Promozione fallito prima a Castelfidardo (con rientro in casacca biancorossa nel finale di stagione) e poi, l’anno scorso, a Offagna. Ora per problemi di lavoro il suo terzo ritorno a San Biagio dove riuscirà a gestire meglio orari e impegni. Come lui anche Loris Fiorenzola, classe 1983, altro sambiagese doc, torna nella casa madre lasciata 5 anni fa. Esterno mancino o seconda punta brevilinea, Fiorenzola verrà utile come jolly offensivo a mister Morra dopo aver militato con alterne fortune all’Offagna, all’Atletico Ancona e al Candia. Infine altri tre acquisti, uno per reparto, sono in via di perfezionamento. Si tratta di giocatori giovani, ma non troppo (meno di 26 anni), che giungono da categorie inferiori e che hanno voglia di riscatto. Requisiti che cerca il San Biagio per allestire una rosa competitiva a costi contenuti.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-06-2010 alle 19:42 sul giornale del 24 giugno 2010 - 789 letture

In questo articolo si parla di sport, osimo, calcio, san biagio

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ux





logoEV