utenti online

x

SEI IN > VIVERE OSIMO > ATTUALITA'
comunicato stampa

Castelfidardo: Scala mobile, arrivano i finanziamenti regionali

1' di lettura
588

Il Comune ha ottenuto un contributo pubblico di 167.000 € per la realizzazione della scala mobile che collegherà piazzale Michelangelo a piazzale Don Minzoni. La Regione ha infatti approvato la graduatoria dei progetti per la mobilità sostenibile rientranti nell’asse del Por Marche (programma operativo) 2007-2013.

Il Sindaco Soprani lo ha annunciato fra le righe della seduta di Consiglio: il Comune ha ottenuto un contributo pubblico di 167.000 € per la realizzazione della scala mobile che collegherà piazzale Michelangelo a piazzale Don Minzoni. La Regione ha infatti approvato la graduatoria dei progetti per la mobilità sostenibile rientranti nell’asse del Por Marche (programma operativo) 2007-2013, collocando Castelfidardo al 5° posto e concedendo il massimo finanziamento possibile, pari al 50% dell’intera spesa ammontante a 334.000€. L’installazione della scala mobile rientra nel terzo lotto dei lavori inerenti il restyling di Porta Marina, concepita per consentire un rapido e agevole superamento del dislivello esistente e mettere in collegamento i parcheggi sottostanti con la piazza. L’intento è inoltre quello di sfruttare meglio le aree di parcheggio adiacenti piazzale Michelangelo (comprese i nuovi spazi auto che dovranno essere realizzati sotto Porta Marina), decongestionando così il traffico verso il centro storico. La cosiddetta “connessione verticale” verrà realizzata con un impianto di scala mobile suddiviso in tre distinti tratti dalla diversa inclinazione e sviluppo, in modo tale da conformarsi alla pendenza naturale del terreno; fra le opere accessorie, una leggera copertura contro gli agenti atmosferici, impianti elettrici d’illuminazione di servizio e di emergenza e per il controllo della sicurezza. I lavori dovranno partire entro dieci mesi dall’assegnazione del contributo.


Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-06-2010 alle 16:40 sul giornale del 23 giugno 2010 - 588 letture