utenti online

x

SEI IN > VIVERE OSIMO > POLITICA
comunicato stampa

Bianchetti (Comitato Passatempo): 'I rilievi da noi mossi erano fondati'

3' di lettura
1239

Nerina Bianchetti

i rilievi da noi mossi sono stati ritenuti ampiamente fondati e le poco lusinghiere valutazioni che emergono dalla proposta di archiviazione su come si  è mosso il Responsabile del Servizio Urbanistica del Comune di Osimo nella vicenda in sede di rilascio del permesso a costruire dell’impianto sconfessano, una volta  per tutte, gli inveritieri e temerari proclami dell'ex Sindaco sul fatto che  tutto fosse  in regola.

La sig.ra Nerina Bianchetti del Comitato "Senza Testa Senza Bitume"di Passatempo di Osimo, presa visione delle notizie apparse sulla stampa in questi ultimi giorni relative alla proposta di archiviazione avanzata dal P.M. Gubinelli in ordine agli esposti che sono stati presentati per denunciare all’autorità penale i continui illeciti perpetrati dagli uffici comunali preposti alla pratica dell’impianto di bitume in Passatempo, sentito il legale avv. Tina Fusari che ha curato la trasmissione di tutti gli esposti presentati dal Comitato, sottolinea, in primo luogo, che a quest’ultimo non è stata notificata, ad oggi, alcuna richiesta di archiviazione. In ogni caso, da quel che è stato possibile sino ad ora rilevare dagli stralci che di questa proposta sono apparsi sulla stampa non possiamo non rimarcare che i rilievi da noi mossi sono stati ritenuti ampiamente fondati e le poco lusinghiere valutazioni che emergono dalla proposta di archiviazione su come si è mosso il Responsabile del Servizio Urbanistica del Comune di Osimo nella vicenda in sede di rilascio del permesso a costruire dell’impianto sconfessano, una volta per tutte, gli inveritieri e temerari proclami dell'ex Sindaco sul fatto che tutto fosse in regola. Come abbiamo sempre denunciato erano tutte “balle” ed oggi, finalmente, esse trovano smentita anche dalle indagini e dagli accertamenti svolti dall’Autorità Penale. L’ing. Frontaloni che cosa potrà dire oggi della “ furbesca” frasetta: “infondate in fatto ed in diritto” utilizzata ogni volta per non riscontrare in dettaglio le eccezioni che andavamo via via muovendo circa il suo non corretto operato? Con lo stesso avremo modo di risentirci sia sul bitumificio che sul canile e vedremo come intenderà ancora muoversi. Pensiamo, infatti, di essere solo agli inizi convinti come siamo che, una volta che avremo preso visione anche delle risultanze della consulenza tecnica richiesta dal P.M., Gubinelli, per acquisire la quale l’avv. Fusari si sta già muovendo, ne vedremo ancora “ delle belle”.

Certo la proposta di archiviazione non ci soddisfa anche se le indagini continuano su altri aspetti della vicenda. In ogni caso l’immagine che di alcuni amministratori e funzionari comunali emerge dalle indagini è sconcertante; che dire se non “VERGOGNA” ! Mi assale da ultimo una domanda: avrà ancora il vecchio sindaco l’ardire di propinare a molti osimani l’ennesima storiella per cercare di dare, come d’abitudine, una lettura falsata e di comodo anche delle risultanze delle indagini penali, e quale ulteriore lezioncina pretenderà questa volta di impartirmi nel vano tentativo di zittirmi? Alle liste civiche vorrei ricordare che l'ambiente e la salute sono beni che riguardano non solo loro e i loro familiari, ma bensì tutti noi, che quindi non hanno diritto di distruggere ciò che appartiene anche a me, alla mia famiglia e a quanti credono alla madre terra e che le scelte scellerate che hanno preso in questi anni in nome del "Dio Denaro" vanno a ledere un diritto di tutti. Aver cementificato così tanto e a macchia di leopardo, aver autorizzato un impianto altamente inquinante sul proprio territorio è gravissimo e vergognoso, ma il comitato di Passatempo come altri comitati non si fermeranno, per nulla intimoriti dalle continue minacce che le liste civiche spudoratamente continuano a fare!!!! Per il Comitato di Passatempo - Nerina Bianchetti



Nerina Bianchetti

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-06-2010 alle 18:00 sul giornale del 22 giugno 2010 - 1239 letture