utenti online

x

SEI IN > VIVERE OSIMO > POLITICA
comunicato stampa

Latini: il settore edilizio va aiutato

2' di lettura
568

Dino Latini

Il settore edilizio va aiutato con interventi diretti e immediati, in attesa della modifica delle nuove norme in materia.

Innanzitutto, per alleggerire i lunghi tempi burocratici occorre che si costituisca un gruppo di lavoro (tecnico-giuridico-amministrativo) regionale che si ponga in aiuto a tutte le altre amministrazioni locali (provincie e comuni) per aiutare a snellire e risolvere le pratiche complesse e difficili. Il tutto stabilendo tempi perentori certi nella risposta ai richiedenti. Non si deve per forza dire sì, ma dare una risposta certa in tempi accettabili. E’ davvero fuori tempo ormai che per pratiche di notevole importanza economica si debba attendere due o tre anni, perché ciò significa deprimere totalmente le poche possibilità che i soggetti interessati al settore hanno di promuovere ricchezza e lavoro. Inoltre, anche in questo settore bisogna costituire un canale privilegiato e efficace di credito alle imprese, capace di essere da supporto certo nelle operazioni.

Un ruolo importante per la costituzione di tale strumento di credito agevolato potrebbe essere della SGRM che con opportune scelte potrebbe appunto costituire un castelletto particolare di garanzia per il settore edile. In ogni caso, il credito alle imprese va rivisto in breve con nuove forme più agevole forme di sostegno vero. Ancora, avviare in breve la rivisitazione della legge sul piano casa che dovrà essere più adeguato alla realtà delle esigenze dei cittadini e permettere tutte quelle piccole operazioni di ampliamento e ristrutturazione che pure è un importante veicolo di tenuta di lavoro del settore edile e del suo indotto. In una seconda fase è necessario modificare la legge urbanistica regionale, magari con un immediato stralcio esecutivo per le più importanti necessità e poi con uno studio più completo della medesima. Infine, va istituzionalizzato il ruolo delle scuole edili al fine di non perdere l’esperienza e la capacità professionale degli addetti ai lavori e rendere il ruolo compiuto di pari dignità professionale e istruttiva rispetto a molte altre attività economiche.



Dino Latini

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-06-2010 alle 19:15 sul giornale del 10 giugno 2010 - 568 letture