utenti online

x

SEI IN > VIVERE OSIMO > ATTUALITA'
comunicato stampa

Tumini (SeL): 'Quel bando sulla nomina del coordinatore d'ambito...'

2' di lettura
817

In politica a pensare male, spesso ci si azzecca. Rileggendo con la dovizia dovuta ci si accorge che viene utilizzato un iter a dir poco perfetto sia sul piano del rigore normativo che di quello squisitamente politico.

Le note apparse su Vivere Osimo per annunciare che all’albo pretorio del Comune capofila –Osimo- era possibile trovare il testo per la presentazione della domanda di nomina a coordinatore dell’ Ambito Sanitario N.7 comprendente i comuni di Osimo-Castelfidardo-Loreto-Numana-Sirolo-Camerano ed Offagna, lette con attenzione appaiono in tutta la loro limpidezza mirate a perseguire un’obiettivo: costruire le condizioni per avere un coordinatore già ben identificato.

In politica a pensare male, spesso ci si azzecca. Rileggendo con la dovizia dovuta ci si accorge che viene utilizzato un iter a dir poco perfetto sia sul piano del rigore normativo che di quello squisitamente politico. Ma la vera preoccupazione sta proprio sul certosino meccanismo messo in campo. Infatti, il punto che da da pensare è il seguente: il futuro coordinatore deve essere benviso ai Sindaci dell’Ambito i quali valuteranno dopo un periodo di sperimentazione(questo, a parere di chi scrive, un pò troppo breve) se confermarlo o meno nell’incarico.

Una piccola riflessione metodologica per evitare di buttarla in politica. Il ruolo di coordinatore di ambito è innanzitutto un ruolo tecnico che faccia da supporto alla politica.La “Politica” con la “P” maiuscola, pertanto, non dovrebbe avere alcun dubbio e scegliere in base ai titoli di studio ed alle esperienze effettuate sul campo. Ripeto il ruolo è quello di supporto alla politica affinchè questa possa fare scelte capaci di aggredire le problematiche più evidenti rispetto al contesto sia esso economico che sociale.

L’investimento nel sociale è un investimento che non si vede i cui frutti non sono mai immediati, ma che nel lungo termine, quando la realtà è studiata, monitorata e gestita consente di superare i tanti disagi , favorisce una migliore convivenza e fornisce un aiuto alle famiglie di non poco conto anche sul piano economico.

Tanto premesso l’interrogativo che ne consegue è: perchè la sperimentazione prevede un periodo così limitato visto che il compito assegnato per produrre efficaci effetti ha bisogno di tempi più lunghi?.

Sinistra Ecologia Libertà dell’Ambito Aspio-Musone si aspetta una scelta che tenga in serio conto il merito e al/alla incaricato/ta sia concesso il tempo necessario a predisporre un suo progetto e renderlo operativo.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 31-05-2010 alle 18:09 sul giornale del 01 giugno 2010 - 817 letture