Loreto: più di 2500 persone al concerto dei Nomadi

3' di lettura 31/05/2010 -

Il tempo ha aiutato la riuscita della manifestazione e le canzoni dei Nomadi hanno riempito l’aria di maggio fino all’ora di cena inoltrata impreziosite dalla presenza di Irene Fornaciari che con la sua voce straordinaria ha conquistato il cuore di tutto il pubblico.



C’erano oltre 2500 persone domenica al concerto dei Nomadi al Campo Sportivo di Montereale a Loreto: una bella fetta di popolo nomade che si è spostata da tutta Italia per prendere parte a questo evento al quale la cittadina mariana ha deciso di non rinunciare per il secondo anno consecutivo. Un pubblico formato da persone di ogni età con una rappresentante della “vecchia guardia” di ben 102 anni (vedi foto).

Il tempo ha aiutato la riuscita della manifestazione e le canzoni dei Nomadi hanno riempito l’aria di maggio fino all’ora di cena inoltrata impreziosite dalla presenza di Irene Fornaciari che con la sua voce straordinaria ha conquistato il cuore di tutto il pubblico. Entusiasmo anche per Martino Corti, voce emergente della scuderia di Mara Maionchi, che ha aperto il concerto.

La lunga maratona musicale a Loreto era iniziata alle 15 con le finali del Premio “Sapori D’Autore” Città di Loreto “Augusto Daolio e Dante Pergreffi” vinto dagli Imperium 900 seguiti da Francesco Sportelli e dai Last Minute. I vincitori sono stati premiati dalla Presidente di Giuria, la fantastica “cantautore donna”, come ama definirsi, Aida Satta Flores. Gli Imperium 900 hanno vinto anche il Premio dell’Associazione Augusto per la vita per la migliore cover presentata. Il Premio è stato consegnato da Rosanna Fantuzzi, compagna di Augusto Daolio.

Subito dopo la premiazione dei vincitori del Premio Don Paolo, parroco del Sacro Cuore, parrocchia organizzatrice dell’evento con il patrocinio del Comune di Loreto, ha celebrato la Santa Messa per ricordare Augusto Daolio e Dante Pergreffi.
Oltre a loro Don Paolo ha citato anche Elvio Reginelli, un grande fan dei Nomadi, ex dirigente della squadra di calcio femminile al quale la band ha poi dedicato la canzona Good By My friend.
Grande il Nomade marchigiano Sergio Reggioli che dopo aver estasiato i presenti con un assolo di violino strepitoso e con un duetto con il pianoforte di Beppe Carletti, si è girato mostrando la scritta della sua maglia “rigassificatore? no grazie!”.

Al termine del concerto l’Amministrazione di Loreto con l’ex sindaco Moreno Pieroni e l’assessore Maria Teresa Schiavoni ha consegnato una targa ricordo ai Nomadi e ad Irene Fornaciari. La serata si è conclusa alla Cantina di Palazzo Bello, uno degli sponsor dell’inziativa.
“Siamo felici di essere tornati a Loreto – ha detto Beppe Carletti durante un momento di relax – e speriamo proprio che questo possa diventare un appuntamento annuale per il popolo nomade”.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 31-05-2010 alle 18:14 sul giornale del 01 giugno 2010 - 1061 letture

In questo articolo si parla di loreto, spettacoli, comune di loreto





logoEV