utenti online

In manette un albanese specializzato nei furti in villa, aveva colpito anche ad Osimo

polizia 1' di lettura 15/05/2010 - Gli uomini della squadra mobile di Ancona hanno arrestato venerdì sera due clandestini albanesi, latitanti da mesi, specializzati in furti in villa.

P. A., 26enne, era stato condannato, lo scorso novembre, dal tribunale di Forlì agli arresti domiciliari nella sua abitazione di Fano. Dopo alcuni giorni il giovane era evaso rendendosi irreperibile. Nel periodo di latitanza ha messo a segno numerosi colpi, soprattutto furti in villa, tra le Marche e l'Abruzzo.

Gli uomini della squadra mobile, in collaborazione con quelli di Ascoli Piceno, dopo indagini approfondite hanno individuato il 26enne nella zona di Villa Rosa di Teramo mentre viaggiava a bordo di un'auto rubata, insieme ad altri suoi connazionali. L'auto era stata rubata ad Osimo lo scorso 12 maggio ad Osimo.

Il 26enne, dopo aver parcheggiato la vettura, era entrato in un bar per cambiare una banconota da 50 euro per giocare alle slot-machine. Qui è stato arrestato dagli investigatori. All'interno dell'auto è stato trovato M. E., 20 anni, anche lui evaso dai domiciliari dalla sua abitazione di Marotta.






Questo è un articolo pubblicato il 15-05-2010 alle 19:18 sul giornale del 17 maggio 2010 - 518 letture

In questo articolo si parla di cronaca, polizia, francesca morici, ancona, furto, squadra mobile, villa, latitante





logoEV
logoEV