utenti online
SEI IN > VIVERE OSIMO > POLITICA
articolo

Pirani (PDL): 'Il direttivo osimano del partito sia espressione della base'

2' di lettura
2004

Non facciamo l’occhiolino alle liste civiche, sulla vicenda Astea abbiamo preferito ammorbidire i toni della polemica, aspettiamo il congresso del partito per un rinnovamento del direttivo osimano che parta dalla base. Fa chiarezza e riannoda il punto della situazione Damiano Pirani -capogruppo consiliare PDL

Non facciamo l’occhiolino alle liste civiche, sulla vicenda Astea abbiamo preferito ammorbidire i toni della polemica, aspettiamo il congresso del partito per un rinnovamento del direttivo osimano che parta dalla base. Fa chiarezza e riannoda il punto della situazione Damiano Pirani -capogruppo consiliare PDL- dopo le recenti dichiarazioni dei membri del direttivo e la lettera firmata dalle rappresentanze regionali e provinciali Bugaro-Silvetti che intimava un aut aut: o contro Latini o fuori dal partito.

Noi sediamo in Sala Gialla come opposizione e così continueremo, svolgendo quel ruolo che i cittadini ci hanno demandato, puntualizza Pirani. Non c’è alcuna intesa con le Civiche come alcuni hanno voluto leggere da alcune nostre prese di posizione in merito alla polemica Astea o alle nomine del CDA Bambozzi. In quanto alla prima, abbiamo voluto ammorbidire i toni di una polemica che stava scivolando nel personale; si stigmatizza che –al pari delle Civiche- riteniamo opportuno valutare la competenza del neopresidente Astea Giancarlo Mengoni non a priori ma in base al suo operato. Ma questo è plausibilissimo per una figura rappresentativa e non tecnica come quella presidenziale.

In quanto al CdA Bambozzi si annota con sospetto il fatto che le Liste Civiche abbiano votato il nostro candidato Filippini. Tuttavia questa è stata una scelta spontanea delle Civiche che evidentemente hanno preferito convergere su un rappresentante del centrodestra. Non è escluso che abbia contribuito a tale scelta la scenata innescata dall’esponente PD Biscarini contro il Sindaco Simoncini prima dell’apertura della seduta. Da parte nostra c’è stata coerenza: ci siamo sempre astenuti e abbiamo votato solo per il nostro candidato.

Guardando al futuro, aspettiamo che venga il confronto più volte preannunciato da Silvetti durante la campagna elettorale in cui si prenda in seria considerazione la possibilità di un rinnovo del coordinamento osimano del PDL. Che parta dalla base: molte persone del partito chiedono che il direttivo sia espressione di una votazione interna e non frutto di una decisione unilaterale dei vertici anconetani. Aspettiamo perciò di sapere la data di questo congresso.



Questo è un articolo pubblicato il 21-04-2010 alle 22:11 sul giornale del 22 aprile 2010 - 2004 letture