utenti online
SEI IN > VIVERE OSIMO > POLITICA
comunicato stampa

PD: 'CdA Bambozzi, le Liste Civiche dicono no alla presenza del PD'

2' di lettura
1451

Paola Andreoni
Le liste "Simoncini&Latini" nonchè API hanno votato esprimendo la preferenza a favore del candidato del PDL. Così facendo hanno escluso volutamente il primo partito di Osimo, il PD, ad avere un proprio rappresentante all'interno del consiglio di Amministrazione a vigilare sull'attività dell'Istituto Bambozzi. 

L'ultima "scorrettezza-furbizia politica" delle liste "Simoncini&Latini" nonché API l'abbiamo vista nell'ultimo Consiglio Comunale nel momento di votare il componente di minoranza per il consiglio di amministrazione dell'IAB Bambozzi. Invece della astensione - come precedentemente fatto dai gruppi di minoranza, in occasione della elezioni dei candidati di maggioranza - le liste "Simoncini&Latini" nonchè API hanno votato, esprimendo la preferenza a favore del candidato del PDL. Così facendo hanno escluso volutamente il primo partito di Osimo, il PD, ad avere un proprio rappresentante all'interno del consiglio di Amministrazione a vigilare sull'attività dell'Istituto Bambozzi.


Le liste "Simoncini&Latini" ora API hanno dimostrato il loro solito modo ambiguo e furbesco di fare politica. Da una parte stanno elemosinando con il "cappello in mano" dietro la porta del governatore PD Spacca per avere posti in giunta regionale, dall'altra in Osimo appoggiano il PDL e la destra, la loro vera essenza genetica. La candidata che il Pd aveva prescelto per questo importante incarico istituzionale è membro e generosa attivista dell'AVULS, associazione che opera già da svariati anni c/o il Bambozzi e quindi persona con profonda conoscenza delle problematiche e delle dinamiche della casa di riposo di via Matteotti. Il sindaco più volte ci accusa di attacchi violenti alla sua persona, alla sua politica, ma quanto accaduto ieri in Consiglio Comunale è ancora una volta la dimostrazione di chi veramente ricopre il ruolo di seminatore di gramigna e di chi non ha alcun rispetto dell'agire conforme alle regole democratiche.


Il PD prende atto di quanto accaduto. Il segnale lanciato da Dino Latini - neo consigliere regionale e capo staff del sindaco Simoncini - con l'ordine impartito ai suoi consiglieri è stato chiaro: NO al Partito Democratico. Teme che la presenza "competente" all'interno delle Istituzioni cittadine di esponenti del PD possa rovinare i suoi piani "dominanti e clientelari". Il PD nel suo ruolo di forza di opposizione, rafforzato da queste dimostrazioni di "mediocrità politica" delle Liste cittadine, con coerenza e nel rispetto delle regole democratiche, continuerà la sua opera di vigilanza e di controllo anche rimanendo fuori dai consigli di Amministrazione. La politiche è fatta di cose concrete e non certo di furbizie e di certo l'onestà sia intellettuale che politica verrà quanto prima premiata.



Paola Andreoni

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-04-2010 alle 19:28 sul giornale del 16 aprile 2010 - 1451 letture