utenti online
SEI IN > VIVERE OSIMO > ATTUALITA'
comunicato stampa

Sindaco Simoncini: 'Premio Anpi, la disponibilità del Comune è stata massima'

2' di lettura
2691

Stefano Simoncini
Il comune di Osimo, dopo diversi colloqui con il responsabile dell'ANPI di Osimo e previa lettera ufficiale del direttivo regionale, ha messo a disposizione dell'ANPI - per scritto - almeno quattro possibili momenti dove collocare il premio nel quadro delle manifestazioni del 25 aprile osimano.

Il comune di Osimo, dopo diversi colloqui con il responsabile dell'ANPI di Osimo e previa lettera ufficiale del direttivo regionale, ha messo a disposizione dell'ANPI - per scritto - almeno quattro possibili momenti dove collocare il premio nel quadro delle manifestazioni del 25 aprile osimano; due di essi tra il pomeriggio e la sera precedenti la festività e due durante il giorno stesso del 25 aprile (mattino e primo pomeriggio). Ha solo manifestato un'esigenza: quella di iniziare il corteo istituzionale non oltre le 18.30 dopo un pur breve concerto (in pratica un ora scarsa) della banda cittadina come da tradizione. Tutto questo onde iniziare i discorsi istituzionali non oltre le ore 19.00 circa (momento di massima affluenza delle persone in piazza). A questa comunicazione l'ANPI di Osimo ha risposto solo tramite stampa comunicando la scelta di una nuova sede a Castelfidardo.


La disponibilità del Comune di Osimo dunque è stata massima.
Prima dell'amministrazione Latini la celebrazione del 25 Aprile in città si risolveva con un semplice corteo, poco partecipato, alla mattina. Il sottoscritto, nella sua veste di assessore alla cultura, unitamente al Sindaco Latini e al compianto Lanfranco Mercuri, idearono il programma della celebrazione che oggi si fa in Osimo. Ovvero in orario pomeridiano con un concerto della Banda civica (e non solo), cui segue il corteo e i discorsi istituzionali presso il cippo ai caduti. Sottolineo inoltre che questo "format" della celebrazione ha dimostrato, negli anni, l'apprezzamento di un numero elevato di concittadini poichè il momento al Teatro è risultato sempre assai seguito.
Il Premio quest'anno prevede la partecipazione di un numero elevato e qualificato di ospiti. La durata della cerimonia, proprio al fine di non svalutare la presenza degli illustri ospiti, sarebbe stata decisamente maggiore rispetto alle edizioni passate. Per non comprimere o rinunciare ad un momento a scapito dell'altro, andava pensata, a parere dell'amministrazione, una soluzione diversa. Questa disponibilità, dispiace constatarlo, non l'abbiamo avuta.


Stefano Simoncini

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-04-2010 alle 17:43 sul giornale del 14 aprile 2010 - 2691 letture