utenti online
SEI IN > VIVERE OSIMO > POLITICA
comunicato stampa

PD: Park.O. al collasso, la società di servizi non regge al mercato globale

3' di lettura
1707

Logo PD
La Park.O. è al collasso. Riteniamo che la politica di una società di trasporti tutta osimana, degli osimani per gli osimani, come avviene in tanti altri ambiti e servizi della città, non possa resistere sul mercato globale. Questa visione feudale ed autarchica dell'autosufficienza, si spiega solo in termini politici ed elettoralistici, di controllo di voti e non trova riscontri in termini di funzionalità ed economicità. 

L'Amminstrazione Comunale parla di dissolvimento della Parko e di rischi gravissimi per i suoi dipendenti. Lo fa puntando il dito contro presunti addetti al trasporto che svolgerebbero male il loro lavoro perché pare che usino il telefonino, non facciano salire le vecchiette e fumino una sigaretta.

L'argomentazione è alquanto ridicola ed indice di faciloneria oltreché di una naturale propensione a non ammettere i propri errori e responsabilità.

L'Amministrazione Comunale dell'Api dovrebbe guardare ai problemi reali che ha questa società partecipata e che aumentano giorno per giorno: malgrado gli aumenti di tariffe che hanno reso impraticabile ed insostenibile il parcheggio in centro; malgrado l'aumento del costo del maxiparcheggio; malgrado l'aumento dei costi per i trasporti scolastici; malgrado l'enorme introito di multe e multette che quotidianamente ogni automobilista è costretto a pagare per dieci minuti di sosta in più, ecco, malgrado tutto ciò la società è al collasso. La situazione per di più è in via di peggioramento, in quanto si sta innescando un meccanismo perverso: sempre meno persone sono disposte a pagare e a farsi multare per pochi minuti di ritardo, così tendono sempre più ad evitare il centro per andare a fare spesa, per andare in farmacia, a cena, a messa o ad incontrare gente In poche parole le tariffe e le multe aumentano per sopperire ai vuoti di cassa, mentre tra un po' non ci saranno più persone da multare, e basta pensare a quanto è diventato facile da un po' di tempo parcheggiare anche in prossimità della piazza.

Noi riteniamo che gli errori stiano alla fonte e che la politica di una società di trasporti tutta osimana, degli osimani per gli osimani, come avviene in tanti altri ambiti e servizi della città, non possa resistere sul mercato globale. Questa visione feudale ed autarchica dell'autosufficienza, si spiega solo in termini politici ed elettoralistici, di controllo di voti e non trova riscontri in termini di funzionalità ed economicità.

L'acquisto del bus granturismo ed i tentativi di visite fuori porta hanno ulteriormente aggravato una gestione già agonizzante. Magari se all'interno del Cda fosse stata garantita la presenza di minoranze di qualsiasi colore, qualcuno avrebbe potuto suggerire scelte diverse. Invece si è sempre preferito fare a meno dei "disturbatori" e la società è servita per sistemare e accontentare quelli che avevano dato il loro appoggio in fase elettorale. Le minoranze esistono persino nel Cda della Rai berlusconiana, ma non esistono in nessuna delle società pubbliche osimane. Roba da barbari.

Il Pd sarebbe immediatamente disponibile ad offrire proposte e soluzioni, ma ciò può avvenire soltanto se la maggioranza sarà intenzionata a collaborare, a definire chiaramente la situazione, a mettere a disposizione senza ostracismi i dati in suo possesso, mentre al momento tutto viene fatto per nascondere e ricercare responsabilità inesistenti.

Rinnovando la disponibilità a collaborare in vista di soluzioni reali, il Pd esprime tutta la sua solidarietà ai dipendenti Parko.


Il Partito Democratico di Osimo


Logo PD

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-04-2010 alle 14:14 sul giornale del 06 aprile 2010 - 1707 letture