utenti online
SEI IN > VIVERE OSIMO > POLITICA
comunicato stampa

Biscarini (PD): 'I voti di Latini provengono dal PDL e dall'UDC'

4' di lettura
2269

Analizzando il recente risultato elettorale si potrebbe ipotizzare che il 24% dei voti raccolti dalla Alleanza per l'Italia (Latini) abbia una provenienza importante, attorno al 11%, dal Pdl, un 5% dall'Udc ed il resto da tutti gli altri con la significativa eccezione di Sinistra Ecologia e Libertà.
Per un giudizio sull'esito del voto osimano conviene partire dai risultati delle elezioni europee e amministrative dello scorso 2009.

Nello stesso giorno, nella stessa cabina elettorale oltre ottomila e settecento elettori (più del 44% dei voti validi) sulle due schede che sono state loro consegnate, hanno espresso una volontà politica differenziata.

I voti raccolti da Simoncini (Liste Civiche) sono stati 8234.

Nelle elezioni amministrative del 2009, rispetto alle europee, il Pdl ha perso il 18, 91% dei voti; la Lega il 4,35. Il Pd il 6%; l'Idv il 7,67; l'Udc il 5,35%. La Sinistra radicale oltre il 2%

Sulla base dei risultati e delle considerazioni precedenti si possono ipotizzare le seguenti provenienze dei voti per le liste civiche nelle elezioni amministrative 2009:

Su 100 voti raccolti nel 2009 dalle Liste Civiche di Osimo 42 sono elettori del Pdl, 9 vengono dalla Lega, 15 dal Pd, 16 dall'Idv, 12 dall'Udc, 5 dalla Sinistra radicale, 2 dalla Destra radicale.

Confrontando i risultati delle europee 2009 con quelli delle elezioni regionali 2010 abbiamo questi dati:

Partito % Europee 09 % Regionali 10 Differenza %
Pdl 33,02 21,60 11,42
Lega 5,7 4,1 3,6
Pd 27.6 25,06 2,54
Idv 10,1 6,43 3,76
Udc 9,6 4,39 5,21
Rif e Com Ital 4,7 2,45 2,25
Sel 3,4 3,77 +0,37
La Destra Fiamm 4,0 1,39 2,61
Totale 30,93
Api 24,10
Alleanza Rif 4,6
altri 1,32


Si potrebbe ipotizzare dunque che il 24 % dei voti raccolti dalla Alleanza per l'Italia (Latini) abbia una provenienza importante, attorno al 11%, dal Pdl, un 5% dall'Udc ed il resto da tutti gli altri con la significativa eccezione di Sinistra Ecologia e Libertà; la provenienza dei suffragi per Alleanza Riformista, che ha raccolto il 4,6% può ipotizzarsi invece in maniera trasversale.

Il carattere "politico" delle elezioni regionali e lo schierarsi di Latini con Spacca, considerato di "sinistra" hanno frenato l'apporto dell'elettorato pidiellino che, a differenza delle passate elezioni comunali, ha quasi dimezzato la emorragia.


Il peso del candidato locale

Abbiamo esaminato il voti dei singoli partiti negli otto comuni della zona per verificare il peso che hanno avuto i candidati locali.


Partito Democratico %
Loreto 11
Filottrano 18
Numana 23
Castelfidardo 24
Osimo 25
Sirolo 27
Camerano 33
Offagna 33



Nel caso del Pd abbiamo il dato di Camerano dove la candidatura di Di Giacomo lo colloca al 33%. Quella di Paola Andreoni fa raggiungere al suo partito il 25%, in un contesto particolare per la presenza delle candidature Latini, Secchiaroli, Cagnoni, Buccelli, ecc.


Alleanza Riformista %
Camerano 2
Filottrano 2
Osimo 4
Offagna 7
Sirolo 7
Numana 9
Castelfidardo 12
Loreto 51

Per la candidatura di Pieroni il risultato è particolarmente significativo: il 51% a Loreto, ma anche il 12 a Castelfidardo e il 9 a Numana. Segno di una capacità di rappresentanza non limitata al solo dato comunale.


Alleanza per l'Italia %
Loreto 1
Sirolo 2
Castelfidardo 4
Filottrano 4
Numana 4
Camerano 5
Offagna 5
Osimo 24


Dino Latini si ferma ad Osimo al 24%, mentre nei comuni vicini non riesce ad andare oltre il 5% di Camerano ed Offagna. Segno che la chiusura municipalista, le continue liti con i vicini hanno limitato il suo appeal alla sola città di Osimo.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-04-2010 alle 23:56 sul giornale del 03 aprile 2010 - 2269 letture