utenti online
SEI IN > VIVERE OSIMO > ATTUALITA'
comunicato stampa

Accenture, Brandoni (Prc): \'Rischio speculazioni edilizie\'

1' di lettura
958

giuliano brandoni
Non vorremmo che questo nuovo drammatico caso di mala impresa, si trasformasse nel tentativo di forzare la mano agli enti locali attraverso il ricatto occupazionale, per speculazioni edilizie che rischierebbero di aprire ancora una volta, come già accaduto a Jesi, un conflitto tra i lavoratori e il territorio, tutto a vantaggio dei soliti noti.
Esprimo a nome mio e del gruppo di Rifondazione Comunista la piena e incondizionata solidarietà ai lavoratori della Accenture. Un altro caso - l’ennesimo - di cieco e brutale attacco ai diritti dei lavoratori, vittime di una logica imprenditoriale che poggia esclusivamente sulla massimizzazione dei profitti e che, senza vergogna e tanta arroganza, i dirigenti dell’Accenture hanno proprio sbattuto in faccia agli operai in sciopero e alle stesse istituzioni.

Non vorremmo che questo nuovo drammatico caso di mala impresa, si trasformasse nel tentativo di forzare la mano agli enti locali attraverso il ricatto occupazionale, per speculazioni edilizie che rischierebbero di aprire ancora una volta, come già accaduto a Jesi, un conflitto tra i lavoratori e il territorio, tutto a vantaggio dei soliti noti. Per questo saremo molto attenti a quanto verrà detto all’incontro tra la Regione Marche e il gruppo Sma in programma giovedì prossimo. Su questo versante, sia chiaro, saremo determinati nel riaffermare il recupero e il rilancio degli immobili dell’ex Mercatone Zeta e ci batteremo contro ogni sorta di saccheggio del territorio.

Nel frattempo, verificheremo se la il caso della Accenture rientra in quelli individuati dalla legge regionale contro le delocalizzazioni che prevede, in caso di trasferimento all’estero, la restituzione dei fondi pubblici regionali a qualsiasi titolo erogati a favore dell’impresa stessa.

GIULIANO BRANDONI

Capogruppo Prc Consiglio regionale Marche



giuliano brandoni

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-02-2010 alle 17:52 sul giornale del 24 febbraio 2010 - 958 letture