utenti online

x

SEI IN > VIVERE OSIMO > POLITICA
comunicato stampa

Osimo Sociale: Esultiamo per l\'uscita di GPO dall\'Astea

1' di lettura
800

L\'annunciata uscita di GPO Genova da Astea - che speriamo si realizzi al più presto - non può che farci esultare, se non altro perché è sempre stata una presenza sgradita ai cittadini Osimani - come confermano le firme ottenute dalla Petizione Sociale.

L\'annunciata uscita di GPO Genova da Astea - che speriamo si realizzi al più presto - non può che farci esultare, se non altro perché è sempre stata una presenza sgradita ai cittadini Osimani - come confermano le firme ottenute dalla Petizione Sociale - i quali hanno subito la svendita forzata di parte del \"gioiello di famiglia\", ottenendo in cambio qualche marciapiede, rotatoria e \"monumento\" di dubbio gusto.

Tuttavia chiediamo che questa condotta speculativa, fondata sullo sfruttamento dei beni comuni, che ha prodotto ingenti profitti a vantaggio del privato, non si traduca in un ulteriore danno arrecato alle finanze dei cittadini e dei lavoratori Osimani, i quali stanno già sopportando sulle loro spalle il peso di una crisi strutturale provocata da banche, politici corrotti e imprenditori.

Le azioni in possesso del socio privato dovrebbero essere espropriate senza indennizzo, poiché è già stato sbagliato permettere a questo di lucrare, aumentando le tariffe in accordo con l\'Amministrazione comunale ed investendo il minimo indispensabile.
Stiamo lavorando affinché l\'Astea sia totalmente ripubblicizzata, mediante l\'acquisto a prezzo politico delle azioni da parte dei Comuni interessati e l\'azionariato popolare di utenti e lavoratori.

Stiamo lottando affinché cessi la speculazione privata sui beni che appartengono solo al territorio e a chi lo abita, e finisca con questa la cattiva abitudine di infilare le mani nelle tasche dei cittadini.


Fabio Pasquinelli - Comitato promotore della Petizione Sociale


Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-02-2010 alle 16:03 sul giornale del 18 febbraio 2010 - 800 letture