utenti online

Basket: La Fortitudo liquida Osimo 62 a 89 e conferma il suo primato in classifica

basket 3' di lettura 08/02/2010 - LA FORTITUDO liquida velocemente la pratica Osimo, confermando così il suo primato in classifica: sempre ad una sola vittoria di vantaggio nei confronti di Forlì con i romagnoli che si bevono in solo bicchier d\'acqua la sempre più bistrattata Fidenza.

LA FORTITUDO liquida velocemente la pratica Osimo, confermando così il suo primato in classifica: sempre ad una sola vittoria di vantaggio nei confronti di Forlì con i romagnoli che si bevono in solo bicchier d\'acqua la sempre più bistrattata Fidenza. Il play by play della gara dice che per ben tre volte i padroni di casa si sono avvicinati ai biancoblù registrando anche un -8, ma per onor di cronaca va detto che il coach fortitudino Finelli ha fatto parecchi esperimenti, nella speranza di far fare esperienza ai suoi giovani. Quaglia e l\'ultimo arrivato Micevic hanno risposto positivamente, Genovese va ancora a corrente alternata, Borra ha cincischiato, mentre rimane ancora qualche interrogativo sulla capacità di Sorrentino di gestire la squadra, senza andare fuori dai ritmi.

Gli spifferi del PalaDozza dicono che in allenamento la questione sia molto diversa e che il play napoletano abbia una qualità migliore del proprio gioco, mentre in partita si lasci prendere un po\' troppo dall\'agonismo. Questioni, comunque, che al momento sono di lana caprina perché dopo ventun giornate i bolognesi hanno registrato solo due sconfitte e riposato una volta sola — essendo il girone composto da un numero dispari di squadre — in altre parole non ci fossero a Forlì a tenere il passo e i miracoli compiuti dal Gira allenato da Stefano Salieri, oggi staremmo parlando di un\'Aquila che, almeno durante la fase regolare che serve per definire le posizioni dei playoff, non ha particolari rivali.

Priva della sua guardia titolare Andrea Barsanti, Osimo ha più di una giustificazione per il -27 finale, al di là delle assenze: la formazione allenata da Ercolessi non ha più nulla da chiedere a questa stagione, Jesolo continua a perdere e quindi la salvezza è stata già raggiunta, altro non si può chiedere anche perchè la società marchigiana partecipa a questo campionato dopo un pasticcio estivo in cui si era vista negata la partecipazione alla C dilettanti perché non ci si può autoretrocedere d\'ufficio, salvo poi finirci momentaneamete dopo che il consiglio federale aveva decretato il declassamento della Fortitudo alla serie A dilettanti. Ovvie le proteste dell\'Edilcost che alla fine sono state accettante, arrivando così alla composizione di un girone dispari. Una stagione, quella marchigiana, gratificata anche dal fatto di aver ospitato l\'Aquila biancoblù nel proprio impianto, ricreando quel clima di festa che si era già visto a Treviglio e a Fidenza, tanto per citare due posti dove la pallacanestro, seppure non di vertice, è comunque una tradizione.


IL MASSIMO vantaggio la Fortitudo lo tocca al termine del terzo periodo, quando il tabellone è fissato sul punteggio di 60-43, i titoli di coda possono già scorrere con Finelli che ha anche avuto la conferma di tutte le sue sicurezze, sul 37-45 conquistato a fatica da Naso, ci pensa Muro con quattro punti consecutivi poi, come già successo in precedenza, Cittadini taglia a fette l\'area colorata avversaria. In conclusione due punti conquistati al termine di un buon allenamento.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 08-02-2010 alle 17:55 sul giornale del 09 febbraio 2010 - 713 letture

In questo articolo si parla di basket, sport, robur, edilcost





logoEV
logoEV