utenti online

x

SEI IN > VIVERE OSIMO > POLITICA
comunicato stampa

Sinistra e Libertà e PD contro la privatizzazione dell\'acqua

1' di lettura
1334

La Consigliera Comunale Franchini di Sinistra e Libertà ed i Consiglieri Comunali Andreoni, Bernardini, Cardinali, Pugnaloni e Severini del Partito Democratico hanno depositato una mozione sul tema \"Contrarietà del Consiglio Comunale della Città di Osimo in merito al Decreto Legge n. 135 del Governo Berlusconi, art. 15 che intende privatizzare il bene comune acqua\".

La Consigliera Comunale Franchini di Sinistra e Libertà ed i Consiglieri Comunali Andreoni, Bernardini, Cardinali, Pugnaloni e Severini del Partito Democratico hanno depositato una mozione sul tema \"Contrarietà del Consiglio Comunale della Città di Osimo in merito al Decreto Legge n. 135 del Governo Berlusconi, art. 15 che intende privatizzare il bene comune acqua\" per impegnare il Comune di Osimo ad inserire nello Statuto Comunale il riconoscimento dell\'acqua come bene comune e diritto umano universale e dichiarare il servizio idrico privo di rilevanza economica. La Consigliera Franchini osserva \"l\'aspetto più grave di questo provvedimento è il tentativo del Governo di mascherare la privatizzazione dell\'acqua come un adempimento richiestoci dall\'Unione Europea, affermazione assurda visto che l\'UE è già stata chiara nel definire l\'acqua bene comune dell\'umanità e nell\'evidenziare che alcune categorie di servizi non sono sottoposte al principio comunitario della concorrenza. Bene ha fatto la Regione Marche ad annunciare un ricorso anche in sede di Corte Costituzionale, ma se fosse necessario Sinistra e Libertà dichiara fin da ora il suo impegno nei confronti di un Referendum abrogativo\". La Consigliera Andreoni conclude \"L\'acqua è un bene indispensabile. È un bene pubblico, di non rilevanza economica, non una fonte di speculazione e di guadagno. La privatizzazione dell\'acqua è un gravissimo errore che peserà sulle tasche dei cittadini\".




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-12-2009 alle 18:19 sul giornale del 04 dicembre 2009 - 1334 letture