utenti online

x

SEI IN > VIVERE OSIMO > ATTUALITA'
comunicato stampa

Offagna: multa di 500 euro a chi non espone il Crocifisso

3' di lettura
3785

Sì al crocifisso. Con l\'obbligo di mantenerlo nelle aule delle scuole e negli edifici ed uffici pubblici ricadenti del territorio del Comune di Offagna. Ai trasgressori sarà applicata una sanzione amministrativa di 500 euro.

Sì al crocifisso. Con l\'obbligo di mantenerlo nelle aule delle scuole e negli edifici ed uffici pubblici ricadenti del territorio del Comune di Offagna. Ai trasgressori sarà applicata una sanzione amministrativa di 500 euro. E\' il verdetto emesso, all\'unanimità, dal Consiglio comunale del Borgo quattrocentesco relativo alla mozione presentata dal consigliere di maggioranza, Samuele Tommasi, imperniata sulla recente sentenza della Corte europea in merito alla presenza, da vietare, del crocifisso nelle aule scolastiche. Dopo l\'approvazione della mozione e di un emendamento presentato dal consigliere di minoranza, Gabriele Naspetti (inserimento di un punto sulla mozione inerente la richiesta di modifica della Carta costituzionale europea in riferimento alle origini cristiane del popolo italiano), il sindaco Stefano Gatto ha emesso un\'ordinanza, così motivata: \"Considerato che il Governo italiano ha presentato ricorso è necessario preservare le nostre tradizioni, mantenendo la presenza del crocifisso\".


La mozione, approvata e deliberata dal Consiglio comunale, prevede \"l\'annullamento della decisione della Corte europea, attivando tutti gli opportuni procedimenti, presso le istituzioni italiane e comunitarie, di concerto con altri enti ed istituzioni e promuovendo tutte le azioni per scongiurare fenomeni di discriminazione dell\'identità storica, culturale e di civiltà del popolo italiano, a partire dal simbolo religioso di valenza universale qual è il crocifisso, appoggiando con forza l\'azione del Governo italiano contro la sentenza pronunciata dalla Corte europea\". \"Il crocifisso -ha dichiarato il sindaco Gatto- è un segno importante per la nostra vita, togliendolo si finisce per perdere quei valori umani che da sempre hanno contraddistinto la storia del nostro popolo. L\'intervento del Comune di Offagna è una goccia d\'acqua in un oceano, ma vuole essere un segnale per smuovere le acque nazionali ed europee\".


Il sindaco, considerata la grande affluenza di cittadini alla seduta del Consiglio, ha sospeso la riunione per un quarto d\'ora (è stata una novità, essendo la prima volta che ciò accadeva), permettendo ai presenti di esprimere le loro opinioni sul tema di scottante attualità. Nel corso della seduta il Consiglio comunale ha approvato tutti gli altri punti all\'ordine del giorno, con votazioni di maggioranza sulla variante all\'articolo 37 delle Nta del Prg relativo alla costruzione di abitazioni nel comparto 11, sul Piano di lottizzazione del comparto 12, sull\'alienazione delle unità immobiliari site in Vicolo del Balestriere e dell\'ex-mattatoio in via Vallone, in ultimo, sulla trasformazione delle convenzioni della legge 448/1998 riguardo le cessioni delle proprietà. In chiusura di seduta il sindaco Gatto ha annunciato le prossime aperture, sabato 14 novembre, di uno sportello bancario della Cassa Rurale San Giuseppe di Camerino, e quella, nell\'arco di un paio di mesi, di uno studio legale dell\'avvocato Sergio Pierangeli, il primo nella storia di Offagna. \"Ci stiamo attivando -ha concluso il sindaco Gatto- affinché Offagna non diventi un paese dormitorio\".



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-11-2009 alle 15:12 sul giornale del 13 novembre 2009 - 3785 letture