utenti online

x

SEI IN > VIVERE OSIMO > ATTUALITA'
comunicato stampa

Petrella, economista, racconta la sua battaglia contro la privatizzazione del\'acqua

4' di lettura
1327

Conferenza pubblica alla sala Astea venerdì 13 novembre alle 21.15: ospite Riccardo Petrella, economista di fama mondiale, noto per le sue battaglie contro la privatizzazione dell\'acqua e dei beni essenziali; sono previsti interventi di Massimo Rossi ex presidente della provincia di Ascoli Piceno e di Simone Bompadre in rappresentanza di Osimo in Comune.

L\'opposizione sociale osimana combatte le scelte liberiste e privatiste dell\'amministrazione comunale che stanno creando difficoltà a tante famiglie colpite dalla crisi economica; difficoltà presenti, come quelle causate dai disagi per chi ha dei bambini e si trova costretto a sballottarli in asili insicuri, con classi troppo numerose e difficoltà ancora maggiori che si preannunciano per il futuro.

Infatti le annunciate ulteriori privatizzazioni delle società partecipate porteranno ad aumenti generalizzati delle tariffe e delle bollette, di cui faranno le spese soprattutto i ceti sociali meno abbienti ed i lavoratori licenziati od in cassa integrazione.

La ragione reale di queste stangate non è da cercare negli aumentati costi di gestione o nella restituzione del maltolto, indebitamente incassato con pratiche disinvolte ai limiti dell\'illecito amministrativo: la ragione vera consiste nel voler rendere appetibile Astea e le altre partecipate, che presentano prospettive di crescita, a capitalisti e speculatori privati, secondo la collaudata pratica di socializzare le perdite e privatizzare i profitti.

La lista Osimo in Comune - che aveva nel suo programma elettorale paventato gli scenari attuali, proponendo l\'azzeramento dei consigli di amministrazione delle società partecipate (mangiasoldi e promotori di clientele) ed il progressivo ritorno in mano pubblica dei settori strategici dell\'energia, dell\'acqua e dei servizi - insieme all\'associazione L.U.P.O. - che da anni si batte in ambito locale e nazionale contro le scelte liberiste dei governi di destra e di sinistra - hanno indetto una mobilitazione cittadina che ha già avuto una importante verifica nel partecipato presidio tenutosi domenica 8 novembre in piazza Boccolino e che proseguirà con la conferenza pubblica alla sala Astea, venerdì 13 novembre alle 21.15, in cui avremo il piacere di ospitare Riccardo Petrella, economista di fama mondiale, noto per le sue battaglie contro la privatizzazione dell\'acqua e dei beni essenziali; sono previsti interventi di Massimo Rossi ex presidente della provincia di Ascoli Piceno e di Simone Bompadre in rappresentanza di Osimo in Comune, la lista civica che della tutela dei servizi pubblici e dell\'attivazione di meccanismi di welfare locale aveva fatto un cavallo di battaglia delle ultime elezioni.

Riccardo Petrella parlerà delle sue concezioni per una economia a misura dei bisogni umani incentrata sulla solidarietà comunitaria anziché sul profitto e sulla competizione, riportando anche la sua esperienza di consulenza nell\'amministrazione della regione Puglia con la giunta Vendola, dal deludente esito rispetto alla sua battaglia per non privatizzare l\'approvvigionamento idrico di uno degli acquedotti più estesi d\'Europa: esito che ha motivato le sue dimissioni.

Tra questi due appuntamenti centrali continua l\'attività di informazione tramite volantinaggi in scuole e luoghi pubblici.

La mobilitazione proseguirà aprendosi alla collaborazione di tutti quei soggetti che si battono contro la speculazione edilizia, la cattiva amministrazione clientelare, la devastazione dell\'ambiente, la scuola inefficiente e classista chiamandoli a costruire insieme un\'assemblea permanente contro le privatizzazioni e per la tutela dei diritti e dei servizi dei cittadini.

Intanto è nostra intenzione costruire una lista di autocertificazione che includa concittadini non in grado di pagare rette tariffe e balzelli, sempre più esosi, a causa delle sopraggiunte difficoltà economiche, liste che potranno anche costituire la base di lotta per pratiche di autoriduzione, qualora l\'amministrazione si dimostri insensibile o soltanto parolaia rispetto alle esigenze delle fasce deboli ed impoverite dalla crisi. Questa iniziativa viaggerà parallelamente ad un\'altra già avviata, SOS lavoro che tutti i mercoledì alle 21.30 presso la sede di L.u.p.o. di via Cecconi 15 fornisce assistenza e indirizzo organizzativo ai lavoratori in difficoltà, licenziati o in cassa integrazione.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-11-2009 alle 12:32 sul giornale del 12 novembre 2009 - 1327 letture