utenti online
SEI IN > VIVERE OSIMO > ATTUALITA'
comunicato stampa

Loreto: sostegno agli oratori, intesa tra Regione e Cem

3' di lettura
1106

Il presidente della Conferenza episcopale marchigiana S.E. Monsignor Luigi Conti e il presidente della Regione Marche, Gian Mario Spacca, hanno sottoscritto uno specifico protocollo d’intesa per la valorizzazione della funzione socio-educativa degli oratori.

La Giunta regionale ha anche approvato, in via definitiva, i criteri per la concessione dei contributi per le attività degli Oratori delle Diocesi marchigiane. L’intesa è stata presentata, a Montorso di Loreto, nel corso del convegno: “Gli oratori nelle Marche per il servizio educativo delle giovani generazioni”.


“I giovani – ha affermato il presidente dalla Regione Gian Mario Spacca - sono il nostro presente più importante, perché alimentano la speranza sul futuro della comunità. I progetti per i giovani sono molteplici e prioritari nell’azione del Governo regionale, perché rafforzano la fiducia e la coesione. Queste finalità ispirano anche l’Intesa con la Conferenzaepiscopale marchigiana per la valorizzazione della funzione sociale ed educativa degli Oratori, preziosi in ogni comunità locale. Il Governo regionale sostiene gli Oratori attraverso progetti integrati capaci di favorire la crescita armonica delle migliori doti dei nostri giovani e lo sviluppo delle loro potenzialità, in aree quali cultura e formazione, solidarietà, sport e tempo libero, prevenzione del disagio. Vivere insieme agevola l’ingresso dei nostri giovani nel mondo degli adulti in modo consapevole ed equilibrato, attraverso una positiva relazionalità, la conoscenza e il confronto con gli altri. Si favorisce anche la possibilità di mettere in rete gli Oratori con altri servizi e progetti che già esistono nel territorio, a partire dai Centri di aggregazione giovanile.”


“Gli Oratori – ha sostenuto il presidente della Conferenza episcopale marchigiana S.E. mons. Luigi Conti – sono una sorprendente realtà che negli ultimi anni ha preso nuovo slancio. Una rinnovata sensibilità e consapevolezza, a fronte della emergenza e urgenzaeducativa, sta generando, nelle diocesi marchigiane, una crescita esponenziale del numero degli oratori e degli educatori che vi operano. Per una felice coincidenza, la formulazione della legge regionale 31/2008 ha riconosciuto la valenza educativa degli oratori, per la crescita umana e culturale delle nuove generazioni e, al tempo stesso, ha aperto la possibilità a una maggiore collaborazione tra istituzioni ecclesiali e civili nell’ambito della formazione nella nostra regione. La Conferenza episcopale marchigiana riscontra, con stupore, una fantastica disponibilità di animatori e formatori negli oratori, siano essi giovani, adulti o fidanzati o intere famiglie. Il loro mettersi in gioco, insieme alle nuove generazioni e a servizio di queste, offre un incoraggiamento nuovo a tutta la realtà ecclesiale, anche in considerazione degli orientamenti che la Chiesa Italianasi è data in vista del secondo decennio: tutti improntati sul fronte educativo.


In merito il Card. Bagnasco alla 59° Assemblea Generale della CEI ha affermato: “Quello educativo è, per le nostre comunità cristiane, un impegno tutt\'altro che inedito. Su questo fronte, nell\'arco anche solo degli ultimi sessant\'anni, ha, a un certo punto, preso forma una straordinaria stagione formativo-educativa, quasi un\'epopea che ha beneficamente influito su diversi aspetti della vita nazionale.… Come Chiesa, sentiamo nostra fino al midollo questa diaconia: essa non circoscrive la propria azione nella sola prospettiva religiosa, perché punta a educare donne e uomini che faranno l\'Italia e l\'Europa di domani.” In questa prospettiva si sta già progettando, a livello regionale, un Master in educatori del tempo libero per la formazione dei formatori non solo in ambito ecclesiale ma anche civile. Approfitto di questa circostanza, infine, per sottolineare con gratitudine la proficua sinergia che si è instaurata tra la Regione Marche e la Conferenza episcopale marchigiana, a partire dal principio di sussidiarietà, in questo come in altri ambiti in cui è in gioco il bene comune.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-06-2009 alle 15:07 sul giornale del 27 giugno 2009 - 1106 letture