utenti online
SEI IN > VIVERE OSIMO > ATTUALITA'
articolo

Facciamo il punto su... Vivere Osimo e i commenti

2' di lettura
7758

Per evitare alcuni equivoci sull\'utilizzo di questa funzione vi accenno brevemente a come funziona il nostro sistema di smistaggio commenti...

Ciao a tutti, volevo usare questo spazio perché ultimamente tra le colonne di Vivere Osimo i commenti sono aumentati a dismisura! e questo è un bene, continuate pure così, anche perché questa è una delle peculiarità e dei servizi in più che un giornale online può dare: la possibilità di partecipare al dibattito e alla vita della città.


Per evitare alcuni equivoci però sull\'utilizzo di questa funzione vi accenno brevemente a come funziona il nostro sistema di smistaggio commenti. Prima di tutto, i commenti sono visualizzati dalla redazione centrale di Senigallia (www.vivereosimo.it come saprete è uno dei quotidiani online del gruppo Vivere con sede a Senigallia) che visiona il contenuto e la forma del messaggio e decide se: approvarlo / eliminarlo / sconsigliarlo.


Di norma, non eliminiamo messaggi. L\'unica scelta quindi è tra approvare o sconsigliare. Quali sono i messaggi che sono classificati come \"sconsigliati\" (leggi: come posso fare per evitare che i miei commenti non vengano approvati?)? Anche qui, contrariamente a quanto si possa pensare, non si tratta solo di messaggi volgari o urlati o osceni (fortunatamente non è mai stato il caso qui in VivereOsimo.it), ma noi classifichiamo come sconsigliati i commenti che sono pubblicati da anonimi ovvero da utenti non registrati.


La soluzione a tutti i mali perciò è la registrazione, che dà la garanzia di vedere i propri commenti pubblicati in toto e altre amenità, come l\'invio della newsletter e così via.


Insomma, è un piccolo sforzo per il dito (click!) ma ne vale la pena. Vi dico solo un\'altra cosa: quando vi registrate, il secondo step in cui vi vengono chieste diverse informazioni personali potete benissimo saltarlo! c\'è il tasto in fondo con il quale potete andare avanti e non lasciare alcun dato. Quindi: pensate a un nick o usate pure il vostro nome, lasciate una mail valida e basta solo questo per scrivere, scrivere, scrivere. Cosa aspettate?


Un salutone




Questo è un articolo pubblicato il 21-02-2009 alle 14:37 sul giornale del 12 giugno 2009 - 7758 letture