utenti online
SEI IN > VIVERE OSIMO > ATTUALITA'
comunicato stampa

Savì e ... le vutaziò

3' di lettura
1771

...me sa che u fattu un po de cunfusiò. Eu messu un santì in t\'el saccuccì de la giacchetta, era un santì che m\'ea dattu mi nipode. Quannu so \'ndadu a vutà, drentu a la gabina, u messu la ma int\'el saccuccì ma drentu nun c\'era gné.

Savì: \"Ureliu si \'ndadu a vutà?\"


U: \"Sci, ma me sa che u fattu un casì\"


S: \"Cusa vurissi dì?\"


U: \"Ma gnente, me sa che u fattu un po de cunfusiò. Eu messu un santì in t\'el saccuccì de la giacchetta, era un santì che m\'ea dattu mi nipode. Quannu so \'ndadu a vutà, drentu a la gabina, u messu la ma int\'el saccuccì ma drentu nun c\'era gné. Dopu me so \'rcurdadu che mi mojie m\'ha fattu mette \'l vestidu nou perché lia dice che nun ce duemu da fa \'rconosce che semu de campagna. Drentu a le saccoccie del vestidu nou c\'erane \'na mucchia de santì, iu pe nu sbaijamme me so messu a cuppià i nomi de tutti e lu scritti in tutte le righe de la pagina. Quellu del seggiu m\'ha chiamadu:


Si sente bene?.. è tutto a posto ha bisogno di aiuto?


Iu ijo rispostu che \'ndacea tuttu bé, che me ce vulea a scrie, u fattu le scole basse. Dopu iju dumannadu se c\'ea \'n \'nantro abbise perchè quellu che c\'eo nun scriea più. Il presidente s\'enne \'ncazzadu, ma vistu che nun sgappau fora, m\'ha dattu \'n antro abbise. Quannu so sgappadu fora, m\'era \'rmasti tre santì ma m\'eo fenido le righe. Allò u dumannadu:


Nun se pole avè \'nantra pagina che ce deo da mette \'sti tre qui?


Presidente: La finisca di dire coglionerie, consegni le schede e se ne vada!


Subbidu sor professore, iju rispostu. U \'rdattu le schede a \'na munella e so gido via. Nun fagu a tempu a sgappa fora de la scola che du guardie me curene diedru, me piane sottu bracciu e me \'rportane drentu.


U: Cusa vulede? Iu u già vudatu!!


Quannu boccu drentu al seggiu il presidente me lucca:


Dove avete messo le matite? Vi faccio arrestare!


U: Cume \'n do lu messe, in te la saccoccia.


P: Deve consegnarmele!


U: Scusateme, ma vò m\'ede dittu de cunsegnà le schede e no l\'abbisi, eppò de uno ce ne \'rmastu nu strunzighì, ecculi, ve li \'rdagu, nun \'enne boni mancu pe le scole. Eppò a chi fade restà, calade giò da su ceregiu che che ve cunosciu de quanne eravate munellu.. vo fade restà al ca..ulu!!!!


Sò \'naddu via, lora li drentu luccaene cume matti.


S: \"Te lu diceu che era meiju che venii cu me a Cinguli, venennu a casa u \'ncuntradu a Cilè e ce semu fermadi a bè li da Atonia, c\'ha un vi che enne le sette buntà! Però te pure sai propriu rincuijunidu, Giustì c\'ha persu mezza giurnada pé \'mparate a vudà.\"


U: \"E cusa sapeu che mi moije me facea gambia \'l vestidu! Adè me sa fadiga, quannu fanne lu spoiju \'rvagu su e ije dumannu se possu curegge!! Te saludu Savì deo da \'nda a cumprà \'l pesce chi la piazza dell\'erbe.\"


S: \"Ciao Ureliu, e nun fà lu stubbidu, nun se pole curegge gné.\"



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-06-2009 alle 23:36 sul giornale del 06 giugno 2009 - 1771 letture