utenti online
SEI IN > VIVERE OSIMO > ATTUALITA'
comunicato stampa

Le società partecipate offrono 400 posti di lavoro

2' di lettura
2741

Il Comune di Osimo assicura ai dipendenti a tempo indeterminato e a quelli a tempo determinato, ai lavoratori full-time e ai lavoratori part-time delle Società che i loro posti di lavoro non verranno messi in discussione da questa Amministrazione Comunale...

A fronte dell\'allarmismo creato dalle voci sempre più forti, provenienti da settori esterni alla Amministrazione Comunale e alla Maggioranza che l\'appoggia nei confronti delle Società partecipate, che hanno messo in crisi la sicurezza dei posti di lavori, il Comune ritiene doverosa una presa di posizione pubblica.


Soprattutto dopo la ridda di variegati interventi contraddittori sopravvenuti in questi ultimi tempi (una volta a difesa, una volta contro le Società e così via) riteniamo importante precisare che nelle Società partecipate - esclusa l\'Astea - lavorano attualmente circa 400 persone, una fonte occupazionale che nel 1999 non esisteva e che rappresenta complessivamente la principale \"industria\" della città.


Il Comune di Osimo assicura ai dipendenti a tempo indeterminato e a quelli a tempo determinato, ai lavoratori full-time e ai lavoratori part-time delle Società che i loro posti di lavoro non verranno messi in discussione da questa Amministrazione Comunale.


Per quanto riguarda poi la questione dei Consigli di Amministrazione (problema certo non principale nella tutela dei posti di lavoro) si precisa che è oggettivamente impossibile costituire una unica Società, in quanto si violerebbero le norme in materia, avendo le Società finalità e ambiti di intervento diversi le une dalle altre. Per altro, la razionalizzazione stabilita dal Governo centrale è già stata messa in atto con la fusione di Proscenio e Asso e con quella di Auximedia e Imos.


Il Comune di Osimo invita quindi dirigenti e dipendenti delle Società partecipate a continuare a lavorare con serenità e impegno per il bene della città, così come sempre fatto fin qui.


Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-04-2009 alle 10:45 sul giornale del 25 aprile 2009 - 2741 letture