utenti online

Savì: la prucessiò del venardi santu, Pirà, e \'nantra strada

2' di lettura 15/04/2009 - \'Mbè eccu.. pare.. anzi forsi è veru.. che il Pirà.. quellu de le piane.. sta \'ncazzadu neru e forsi pijerà \'nantra strada… de più nun ve digu perché lu prumestu.. chi vole capì capisce..adè pare che pure Alocco e Buttegò, pure sturcennu \'l musu.. enne contenti... 

(U) Savì u vistu che \'ndacei diedru a la prucessiò del venardi santu..


(S) lassame perde.. mec\'ha strascinadu mi moije.. ha dittu che era ora che ce \'nademmie… me dole i pià che nun ne possu più… però ero in cumpagnia de i pezzi grossi.. de quelli che curene pe fa\'l sinnigu.. a multibè de quessi ije ce vurria \'na eleziò all\'anno pe falli \'ndà in prucessiò!….ma dimmecumm\'è gida a fenì lafacenna \'ntra l\'aucadu e \'l duttore?


(U) C\'hai ragò.. adè cre se è \'ntrumessu pure \'nantru duttore. Mercurio.. quellu che prima era amigo nostro è adè l\'ha rtiè a forza itaglia.. pare che cussù l\'ha \'rtiè al duttore a Secchiamoli…ma però so pe certuche urmai nujn se ne pole più e vignerà l\'aucadu.. eppò tene digu \'nantra….forsi e meiju de no..


(nel frattempo arriva Erminio)


(\'R)cua saria meiju de no?.. le faccenne \'ncumenzade vane sempre fenide!


(U) \'mbè eccu.. pare.. anzi forsi è veru.. che il Pirà.. quellu de le piane.. sta \'ncazzadu neru e forsi pijerà \'nantra strada… de più nun ve digu perché lu prumestu.. chi vole capì capisce..adè pare che pure Alocco e Buttegò, pure sturcennu \'l musu.. enne contenti.


(U) e da cull\'altraparte..


(\'R) da cull\'altra parte enne \'ndada pure lia a la prucessiò però pe dumannà che nun se mettessene assiemi, se donca pe lia saria dura multubè.. e nun solu pe lia.. ede sentidu.. lia, l\'Andreona, ha dittuche se va a cumannà.. lu scusa dee da fa.. forsi c\'ha il librru del cumannu che già sa tuttu..


(S) nun fa sempre lu stubbuidu.. ha dittu che lu sa pe quellu de le case… del terremodu…vole vedè se stanne su.. me pare \'na bona faccenna.. ma \'ndo rierà a guardalle fino al cunfignu o girà pure fora comune…saria meiju che se mettesse assieme cu l\'altri cumuni…. \'Rminiu!. Enne sgappadi i numbri?


(\'R) nu n\'enne sgappadi macu la ragazza hadittu cher se deene da giugà pe almenu tre botte. Vedaremu…anzi \'rdamme \'natri cinque euri..chi vole veni.. vagu afa \'l giro d\'Osimo a pia…

……………………………………………….

…………………………………………….. sarà mattu!!!!!!!!!!






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-04-2009 alle 22:50 sul giornale del 16 aprile 2009 - 897 letture

In questo articolo si parla di attualità, politica, osimo, satira, Savì