Savì: Tuttu pole esse, no\' usimà semu sempre stadi avanti

3' di lettura 06/04/2009 - \"Ede vistu \'l manifestu de Simuncì? Ede vistu che stappa la buttija de spumante.. dice  che enne prontu e che vole gì avanti cume prima…\" \"Sci .. lu, Simuncì.. stappa, ma diedru c\'enne \'l sinnigu che lu tiè, seddonca da per lu \'ndò va…\"

Fuori dalla società operaia


(U) \'Rminiu cu dighi rierà Savì? M\'ea prumestu che \'ndacemie cu l\'ape chi al conde pe pija le palombe de pasqua che fanne l\'ufferta..


(\'R) sta tranquillu, se te l\'ha dittu vedarai che fra poghu enne chi…basta che nun \'è \'ncazzadu pe via del vestidu..


Poco dopo arriva Savino e parcheggia il suo ape.


(S).. cu c\'ede tantu da ride… fate i sveltri.. ma valtri nun stade meiju de me..pensade pe le moije vostre… ve cocene cume je pare..


(\'R) li cumpradu \'l vestidu?.. cume te sta?..


(S) iu nu l\'u cumpradu.. la cumpradu mi moije e pure mi fiu.. a me fattu compra un vestidellu finu finu..tuttu de righe.. me paru un quadernu de quannu \'ndaceo a scola.. adè me lu deene da scurtà. Mi nipote ha cumpradu \'l bugiardò e ha dittu che quella che stacea cu rifundaziò se mesta cu l\'Andreona e pure quellu che je piace tantu a discore de finu..cosu,… Cittadì..s\'è mucchiadu.. ha dittu che cu lia a fattu tante battaije… ve lu diceo che pudea esse \'na gallina!


(\'R) a me me vabè.. però enne sempre poghi eppò cu se scoppule che piane in tutte le parte, te pare chi da nò se ruescia \'l monnu?


(U) tuttu pole esse.. no usimà semu sempre stadi tre un pa pa avanti a tutti..ricordate… eppo ha dittu \'l bugiardò che lora c\'hanne pure quelli de la suciedà civile..


(S) ma quanti caulu enne quessi de sa suciedà civile.. eppò cu saria.. sariane forsi cume la suciedà operaia? Se fusse accuscì me ce vagu a scrie subbidu.. speramu che c\'enne unu che cucina cume Marcellu nostro..


(\'R) ede vistu \'l manifestu de Simuncì? Ede vistu che stappa la buttija de spumante.. dice che enne prontu e che vole gì avanti cume prima… ce pur.. cume se chiama.. la capurana, quella che facea \'na olta l\'assessora.. è gida a Roma e ha discorsu in te la riuniò de quelli de Casini.. voi vede che se mette cu l\'aucadu?


(U) ma camina mattu e cumu fa sa cu la cruella de fiji che c\'ha.. enne braa ma c\'ha troppu da fa..


(?R) da tempu al tempu.. vedarai che te la \'rtroi in te \'na lista…


(U) sci .. lu, Simuncì.. stappa, ma diedru c\'enne \'l sinnigu che lu tiè, seddonca da per lu \'ndò va… Saria ora, invece, che ce damu da fa. Adè, appena sgappa fora cull\'altri curidori, ce spartimu il paese e gimo a fa l\'interviste ai cristià pe vede a chi volene vudà… famu… cume se dice… i icsepolle… io vago in campagna…

(S) lu sapeu te vai sempre \'ndo se pole be e magnà..e farsi a rimedià calche pollu…


(U) io c\'ho il muturi rotto .. cume fagu…


(S) vienghi cu me.. se stai bonu podiesse che te porto a magnà cu quelli dell\'Andreona.. hanne \'mparadu subbidu..Franceschì, da demucristianu, ja \'\'mparadu che davanti al tauli cu sopru un piattu de maccherò, se discore meiju….sentirai che giro de porchette fra calche tempu.. e sta attente che nun c\'avranne gnisciun culore… munta su Ureliu che \'ndamu a fa spesa..






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-04-2009 alle 14:43 sul giornale del 06 aprile 2009 - 950 letture

In questo articolo si parla di attualità, politica, osimo, satira, Savì





logoEV
logoEV