utenti online
SEI IN > VIVERE OSIMO > POLITICA
articolo

Contro la crisi il Comune sceglie di raddoppiare la spesa per il sociale

2' di lettura
1059

La Sala Gialla
Raddoppiare la spesa per il sociale, promuovere un progetto di iniziative connesse che pongano le famiglie osimane in difficoltà al riparo dagli effetti più devastanti della crisi, dialogare con le associazioni di categoria, le banche e gli enti preposti per coordinare gli interventi di sostegno e monitorare il territorio....

Raddoppiare la spesa per il sociale, promuovere un progetto di iniziative connesse che pongano le famiglie osimane in difficoltà al riparo dagli effetti più devastanti della crisi, dialogare con le associazioni di categoria, le banche e gli enti preposti per coordinare gli interventi di sostegno e monitorare il territorio. Questa è la formula anti-crisi del Comune di Osimo, lanciata dal sindaco Dino Latini via blog e in Sala Gialla in forma di comunicazioni, sollecitate dalle mozioni affini dei consiglieri Domizio (UDC) e Luna (PD). \"Non possiamo accollarci noi la soluzione a una congiuntura negativa di livello mondiale. La crisi la subiamo, non l\'abbiamo inventata. Il Comune però si impegnerà al massimo.\" Latini elencagli interventi messi in campo dai servizi sociali: allacciando domanda e offerta, dialogando con le agenzie di lavoro interinale e i centri per l\'impiego il Comune avrebbe favorito il reinserimento nella realtà produttiva per un 30% di lavoratori che hanno perso il proprio impiego e introdotto nel mondo del lavoro un 15% di inoccupati e precari.



E poi, per le famiglie in difficoltà: family card, sconti su prestazioni sanitarie e bollette, scolastiche e sportive, compartecipazione alle spese di affitto. L\'intervento più radicale interesserà il bilancio: \"Al momento di stilare il bilancio consuntivo, raddoppieremo la spesa per gli interventi sul sociale, tagliando su beni voluttuari e contributi a associazioni. Chiaramente però questo sarà un grande sforzo che non potrà essere sostenuto a lungo.\" L\'opposizione ha partecipato al dibattito proponendo propri contributi: L\'Andreoni (PD) ha richiesto che vengano forniti dati e cifre precise su tutte le manovre messe in campo dal Comune; la Domizio (UDC) ha rimarcato il valore del dibattito aperto e ricettivo alle nuove proposte, alcune già in fermento all\'interno delle commissioni consiliari; l\'Alocco ha rilanciato sotto forma di ulteriori imput di riflessione mozioni da tempo da lei presentate con argomento affitti e case, mense sociali, mercatini di libero scambio.



La Sala Gialla

Questo è un articolo pubblicato il 19-03-2009 alle 21:35 sul giornale del 19 marzo 2009 - 1059 letture