utenti online
SEI IN > VIVERE OSIMO > ATTUALITA'
comunicato stampa

Liste Civiche: il Comune, l\'Astea e il completamento dei collettori fognari

2' di lettura
883

Ricordiamo che le forti prese di posizione dell\'Amministrazione Comunale avevano portato anche lacerazioni all\'interno del Consiglio di Amministrazione dell\'Astea, con alcuni consiglieri di nomina comunale che si erano provocatoriamente dimessi...

Senza entrare nel merito della questione del rimborso di quanto pagato ad Astea in bolletta per il depuratore, va precisato che ora si possono capire meglio tutte le iniziative prese dalla Amministrazione Comunale in questi anni, sia in occasione delle assemblee Astea, sia nei rapporti con gli enti competenti (vedi Ambito) per sollecitare l\'approvazione dei progetti di completamento dei collettori fognari in Osimo, i quali dovevano passare prima nell\'ambito Astea e successivamente per l\'approvazione definitiva all\'Ato.


Allora si diceva che come al solito l\'Amministrazione Comunale litigava con gli altri enti, senza neanche approfondire perché il Comune di Osimo difendeva alcune posizioni, come quella di dare alla città quanto prima il progetto definitivo per il completamento del sistema per Osimo (comprendente anche Castelfidardo e Loreto).

Allora si preferiva buttarla sul politichese dicendo che l\'Amministrazione era isolata invece oggi si rivalutano quelle posizioni e si chiede a gran voce da subito di sistemare la questione.



Ricordiamo che le forti prese di posizione dell\'Amministrazione Comunale avevano portato anche lacerazioni all\'interno del Consiglio di Amministrazione dell\'Astea, con alcuni consiglieri di nomina comunale che si erano provocatoriamente dimessi e che una volta ottenuti gli impegni erano rientrati. Ricordiamo che l\'Ato ha un presidente Pd e un consiglio di amministrazione equamente lottizzato tra Pd e Pdl.



Ora si dovrebbe chiedere scusa per tutti gli attacchi alla Amministrazione Comunale che prima di tutti aveva centrato non solo il tema e le modalità, ma anche la necessità di attuare gli interventi in tempi brevi. Invece si è preferito allungare non si sa perché nel corso degli anni ed anzi oggi cercare di ribaltare le posizioni politicamente e di far apparire chi ha sempre contrastato tutto ciò e voleva boicottare il depuratore, come chi, svegliandosi improvvisamente, ne è diventato il più convinto fautore.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-03-2009 alle 18:39 sul giornale del 17 marzo 2009 - 883 letture