utenti online
SEI IN > VIVERE OSIMO > SPETTACOLI
comunicato stampa

Tra le Quinte: tornano le note del jazz al Teatrino Campana

6' di lettura
1250

Jazz
Grande attesa per la seconda edizione della rassegna jazz TRALEQV7INTE al Teatrino Campana di Osimo. Personalità locali, nazionali ed internazionali sul cartellone di quest\'anno, organizzato dall\'Istituto Campana per l\'istruzione permanente in collaborazione con l\'associazione culturale InJazz.

Grande attesa per la seconda edizione della rassegna jazz TRALEQV7INTE al Teatrino Campana di Osimo. Personalità locali, nazionali ed internazionali sul cartellone di quest\'anno, organizzato dall\'Istituto Campana per l\'istruzione permanente in collaborazione con l\'associazione culturale InJazz.


Si apre alla grande sabato 14 marzo con un concerto tutto osimano, un vero e proprio Osimo Jazz Summit, a dimostrazione che il fermento in questa città c\'è e si sente. Sei i musicisti, fra pianisti (Gianni Sesterzi e Andrea Donzelli), chitarristi (Luca Pecchia e Romeo Sterlacchini) e cantanti (Isabella Celentano e Sabina Glorio) dalle molteplici esperienze professionali, che si alterneranno sul palco del Teatrino, accompagnati dalla sicura ritmica di Giordano Pietroni al contrabbasso e Francesco Vitale alla batteria, anch\'essi musicisti dalla lunga e comprovata esperienza. Ospite d\'onore sarà l\'icona del jazz italiano, il chitarrista Franco Cerri, che ricorderà il compianto Mimmo Mancinelli insieme agli amici e colleghi.


Mercoledì 25 marzo è la volta dell\'incontro fra musica e poesia nello spettacolo I Music You con un trio poliedrico: la voce recitante di Bruno Maria Tallini interpreterà liriche di Pasolini, Montale, Prevert, Neruda, Leopardi, Hikmet e Salinas sulle note improvvisate di Stefania Tallini al pianoforte jazz e Arturo Tallini alla chitarra classica. Tre fratelli che, dopo acclamati successi individuali, hanno voluto unire le loro personalità in uno spettacolo unico. Stefania Tallini, con numerose presenze in festival nazionali e registrazioni radiofoniche in Italia e in Germania, ha all\'attivo diversi cd in qualità di pianista jazz, compositrice e arrangiatrice.


Arturo Tallini, per le sue registrazioni in studio e per la radio e la tv, così come per i suoi numerosi riconoscimenti ottenuti a concorsi e in turné internazionali, è uno dei più apprezzati e ricercati interpreti di musica contemporanea per chitarra classica. Bruno Maria Talllini, nato come corista baritono, nel corso degli anni si è dedicato sempre più al teatro, riscuotendo ampi consensi in tutte le Marche, sia come attore di prosa, che come interprete di musical. Numerosi i suoi appuntamenti con la lettura, che lo rivelano una delle voci più amate dalle nostre parti.


I concerti proseguono mercoledì 1° aprile con un altro trio d\'eccezione intorno al mantovano Simone Guiducci, da anni uno dei chitarristi più creativi sulla scena del jazz italiano, che vanta nel suo curriculum collaborazioni con grandi nomi, quali Gianni Coscia, Gianluigi Trovesi, Mauro Negri. La sua chitarra acustica ha fatto il giro del mondo, dall\'Europa a Rio De Janeiro, a Montreal, Mosca, Buenos Aires, Città del Messico. Nel suo progetto Gramelot, elementi strutturali derivanti dal folklore si esprimono attraverso il linguaggio improvvisativo del jazz. Della musica di Guiducci ha scritto Enzo Pavoni su Jazzmagazine: «Musica mobile ed aperta, che ondeggia fra jazz e musica popolare, fra regionale e globale, in altre parole tra antico e moderno [...] Tante \"lingue\", intese come espressioni o idiomi musicali, si fondono nel gigantesco calderone della fantasia emergendo come forme nuove ed antiche, sempre affascinanti».


Il cd Chorale è stato inserito dal critico americano Michael Ricci fra i 20 dischi dell\'anno 2003 nella classifica annuale su All About Jazz Usa. Con Simone Guiducci, sul palco a Osimo, due compagni di viaggio abituali del chitarrista, nonché musicisti sulla cresta dell\'onda nel panorama jazzistico nazionale ed internazionale: Oscar del Barba alla fisarmonica e Ares Tavolazzi al contrabbasso. Del Barba è compositore, pianista, arrangiatore e direttore d\'orchestra. Ha all\'attivo diverse produzioni discografiche, fra le quali un cd al fianco del trombettista Markus Stockhausen; Ares Tavolazzi è uno dei più noti contrabbassisti italiani, avendo fondato, negli anni \'70, il mitico gruppo degli Area. Ha inoltre lavorato a lungo con personaggi di spicco della canzone d\'autore italiana, come Paolo Conte e Francesco Guccini. Da anni si dedica esclusivamente al jazz, collaborando con Enrico Rava, Enrico Pierannunzi e Stefano Bollani.


Mercoledì 15 aprile è la volta di un importante nome del jazz internazionale, da anni residente nelle Marche: il pianista Mike Melillo. Originario del New Jersey, la sua vita musicale è stata segnata da incontri con Woody Shaw, Larry Young, Wayne Shorter, Coleman Hawkins, Ben Webster, Art Farmer e molte altre grandi personalità del jazz americano. Nel \'65 entra a far parte del quartetto di Sonny Rollins e poi del quartetto e quintetto di Phil Woods, con il quale incide nove dischi, di cui due vincono il Grammy Award. Compositore, oltre che grande performer, con diverse produzioni discografiche di piano solo e in trio, Melillo ha composto anche un concerto per orchestra sinfonica e jazz ensemble con Chet Baker solista, documentato nel 1986 nel disco Mike Melillo/Chet Baker Symphonically. Al Teatrino Campana di Osimo Mike Melillo si esibirà in duo con il chitarrista Luca Pecchia. Osimano di adozione, Pecchia ha seguito gli studi classici contemporaneamente a una ricca carriera jazzistica. Fra le sue collaborazioni spiccano nomi quali Enrico Rava, Rita Marcotulli, Tiziana Ghiglioni, Gianni Basso, Bruno Tommaso, Fabrizio Bosso, Kenny Wheeler, John Taylor, Jack Walrath. Compositore, arrangiatore e direttore di piccole e grandi formazioni, Luca Pecchia ha collaborato con orchestre in ambito televisivo, sinfonico e lirico. Didatta apprezzato, nella sua ventennale carriera ha tenuto seminari in conservatori e università. Attualmente è docente di chitarra jazz nei conservatori di Pesaro e Ancona.


La rassegna termina martedì 21 aprile con una leggenda del jazz, il sassofonista statunitense Lee Konitz, che incontrerà il trio francese intorno al pianista Giovanni Ceccarelli per una serata indimenticabile. Formatosi con Lennie Tristano, Konitz ha collaborato con i miti del jazz, quali Miles Davies, Gerry Mulligan, Max Roach, Stan Kenton, Elvin Jones, solo per nominarne alcuni. La sua discografia è sterminata e parte dal 1943 per arrivare ai giorni nostri. La collaborazione fra il sax di Lee Konitz e il sensibile e versatile pianismo di Giovanni Ceccarelli nasce nel 1996. Insieme hanno inciso il cd Live at the New Mississippi Jazz Club e sono in procinto di registrarne un altro interamente dedicato alla musica del compositore brasiliano Edu Lobo. Ceccarelli, marchigiano residente a Parigi ormai da diversi anni, ha accompagnato grandi nomi del jazz mondiale, quali Benny Golson, Mark Murphy, Tony Scott Massimo Urbani, Paolo Fresu. Amii Stewart e Ada Montellanico. Numerose le sue esibizioni in festival, teatri e jazz clubs in Europa, Asia, Nord e Sud America e Australia. Del suo French Trio, che affiancherà Konitz sul palco a Osimo, fanno parte il canadese Chris Jennings al contrabbasso e il francese Patrick Goraguer alla batteria, entrambi con vasta esperienza performativa internazionale.


Il Teatrino Campana si trova nel Palazzo Campana in Piazza Dante a Osimo. I concerti hanno tutti inizio alle ore 21.15. L\'ingresso a ogni spettacolo, compreso il tradizionale spumantino di benvenuto, è di €5. Per informazioni e prenotazioni: Segreteria dell\'Istituto Campana, tel. 071.714822 - 071.714436, e-mail: istituto.campana@libero.it



Scarica il pdf Rassegna TRALEQUINTE


Jazz

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-03-2009 alle 19:15 sul giornale del 06 marzo 2009 - 1250 letture