Numana: Lido Azzurro, l\'UE paventa il rischio ambientale per il fiume Musone

Progetto del Lido Azzurro 1' di lettura 04/02/2009 - Sarà convocato entro la fine di febbraio dal sindaco di Numana Mirko Bilò una conferenza di servizi. Nodo da sciogliere: il progetto Lido Azzurro alla foce del fiume Musone e come scongiurare una maxi multa di minimo 8 milioni di euro...


Sarà convocato entro la fine di febbraio dal sindaco di Numana Mirko Bilò una conferenza di servizi cui parteciperanno il Comune di Numana, L\'Ente Parco del Conero, la Regione, la Soprintendenza e rappresentanti del Ministero dell\'Ambiente. Nodo da sciogliere: come scongiurare una maxi multa di minimo 8 milioni di euro.


Tutto nasce dal progetto Lido Azzurro, centro residenziale turistico da collocarsi alla foce del fiume Musone. L\'Unione Europea è stata allertata da un ambientalista di Jesi e ha aperto un fascicolo sulla salvaguardia delle specie protette presenti nell\'area. Se non verranno perciò proposte misure che tutelino la fauna e l\'ambiente coinvolti dal progetto, lo Stato Italiano rischia una multa di minimo 8 milioni di euro che verrebbero sottratti alle casse della Regione Marche.


Lo scopo del tavolo tecnico perciò sarà individuare le migliori soluzioni per rispondere alle esigenze di tutela dell\'ambiente in conformità ai parametri europei. Si progetta già di riprodurre l\'habitat naturale mediante la creazione di tre stagni nella zona alta del Lido Azzurro e di una fascia boschiva.








Questo è un articolo pubblicato il 04-02-2009 alle 01:01 sul giornale del 04 febbraio 2009 - 1156 letture

In questo articolo si parla di cronaca, ambiente, regione marche, jesi, michela sbaffo, numana, mirko bilò, lido azzurro, ministero ambiente, fiume musone, ente parco del conero, soprintendenza, UE





logoEV